Toninelli: ‘La Lifeline sta entrando a Malta. Grande vittoria per l’Italia’

Loading...

La Lifeline sta entrando a Malta. È una grande vittoria per l’Italia che può diventare un vittoria per tutta l’Europa, ma solo se prevarrà la solidarietà sugli egoismi. Se accadrà, l’isola potrà essere ricordata come la Ventotene del nuovo secolo”.

Lo ha fatto sapere il minitro dei Trasporti Danilo Toninelli su Twitter.

Anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato la notizia con un post pubblicato sulla propria pagina Facebook:

“La nave fuorilegge Lifeline arriverà a Malta e lì verrà bloccata per accertamenti.
Altro successo del governo italiano: dopo anni di parole, in un mese arrivano i fatti!”

L’annuncio che la nave Lifeline attraccherà a Malta è stato dato dal premier del Paese Joseph Muscat:

“Anche l’Olanda ha appena confermato che darà assistenza” e sono così “sette i paesi” che collaboreranno con noi per assistere i 234 migranti della Lifeline. Ha anche specificato che l’accordo è “un caso unico” per la sola vicenda di una nave “in cui il capitano ha disobbedito agli ordini”, ha affermato nel corso di una conferenza stampa.

Loading...

Muscat ha anche detto che la Lifeline potrà attraccare nel porto maltese oggi pomeriggio e “sarà sequestrata per l’avvio di un’indagine”.

“Il capitano dell’imbarcazione – ha proseguito ha ignorato le leggi internazionali, non si è trattato di uno scontro tra due stati membri”.

E ha spiegato che la nave rimarrà sotto sequestro fino alla conclusione dell’inchiesta della magistratura maltese, che indaga sul fatto che “l’Olanda ha ufficialmente confermato, nero su bianco, che la nave non è nel loro registro navale” e che l’imbarcazione risulta come “nave da diporto e che come tale non può compiere intercettazioni di naufraghi”.

E’ ancora “presto per i dati sulla ricollocazione dei migranti” che si trovano ancora a bordo”, ha aggiunto Muscat, il quale ha riferito che “abbiamo promesse da ogni Stato membro che li accoglierà secondo la sua capacità”.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.