Montesano a Virginia Raggi: ‘A Virgì, nun li sta a sentì, Roma non si sistema in un anno o due’

“A Virgì anche se tu c’hai le orecchie un po’ grosse, a sventola, nun glie dà retta, nun li sta a sentì”.

Così direbbe il “Rugantino” secondo Enrico Montesano a Virginia Raggi oggi.

“Roma – ha spiegato l’attore – non si sistema in un anno o due. Servono prima di tutto più risorse economiche”.

Non è colpa della sindaca, ha aggiunto, “se la città è in queste condizioni. Sono 40 anni che bisogna iniziare a fare le cose”.

Montesano ha anche detto che la capitale “merita maggiore attenzione”, ma affinché “possa usufruire di questo vento di cambiamento”, serve che i suoi cittadini per primi la rispettino:

“Bisognerebbe eliminare i cassonetti, fare una differenziata come si deve. Però intanto non sporcate! Visto che nun je la famo a pulì, nun sporcate! Roma è Capitale, non un ca-Pitale, dove ognuno viene, ce fa i suoi bisogni e se ne va. No, Roma va amata e rispettata”, ha affermato.

Rispondendo in una intervista al Giornale ad una domanda su cosa direbbe alla sindaca Raggi sullo stato in cui oggi versa Roma, Montesano ha risposto:

“Più che Roma capitale la chiamerebbe ca-pitale. Nel senso che l’hanno ridotta ad essere il posto dove tutti vengono a fare i loro bisogni. Ma già ai tempi di Augusto aveva un milione di abitanti; era già multiculturale e multirazziale. Basterebbe che chi viene qui la rispettasse. Quanto alla Raggi, Anche se c’hai le orecchie a sventola le direbbe – nun sta a senti’ chi te critica. I problemi a Roma ce stanno da quarant’anni. Ne possono basta’ soltanto due per risolverli tutti?”

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.