“Perché hanno disarcionato Berlusconi”. Enrico Mentana vuota il sacco al Fatto, Travaglio “sviene”

Loading...

“Per questo hanno disarcionato Silvio Berlusconi“. Lo spiega Enrico Mentana e lo fa in una intervista al Fatto quotidiano che avrà fatto rizzare i peli a Marco Travaglio, il più anti-Cav d’Italia. Il direttore del TgLa7, in un confronto a 360°, parla anche del potere in Italia: “Un equilibrio tra imprenditoria, istituzioni e partiti, dove quest’ultimi decidevano, tanto è vero che a un certo punto il mondo dell’economia e della finanza ha creato un suo partito intorno a Enrico Cuccia“. Si è sempre trattato, però, di una “forza residuale, anche quando è arrivato Berlusconi”. Primo sussulto.

Loading...

L’ex premier, prima di entrare in politica, “aveva ben chiaro un punto: doveva semplificare. E quando ha vinto le elezioni, lo choc per la classe dirigente di allora è stato di perdere i posti di controllo. Anche per questo l’hanno disarcionato”. Non parla di complotti giudiziari (sarebbe stato troppo, in casa di Travaglio), ma di oscure manovre sì. Il vero potere non è insomma di chi lo esercita pubblicamente, ma di chi agisce nell’ombra. “Chiunque arriva al governo – suggerisce Mentana – non sa come muoversi, non sa come mettere in pratica le promesse elettorali”. Non i ministri né il premier, ma i mandarini di Stato, perché “in un grattacielo di 30 piani la figura più importante non è chi abita nell’attico, ma il tecnico dell’ascensore”.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.