Matteo Salvini, il retroscena di Augusto Minzolini: la frase sfuggita con cui umilia Luigi Di Maio

Il problema Luigi Di Maio. Da quando è arrivato al governo, il leader del Movimento 5 Stelle è diventato fonte di guai per se stesso, per i 5 Stelle e pure per Matteo Salvini. Un retroscena velenosissimo di Augusto Minzolini sul Giornale riferisce di una frase sfuggita al leader della Lega, nonché vicepremier proprio come il grillino: “Di Maio mi fa tenerezza”, ha spiegato il leghista ai suoi, “senza cattiveria” giura Minzo.

Il fatto è che Giggino pare in balia dell’alleato, non in grado di seguirne il passo negli annunci e nel dettare l’agenda. E lo stesso grillino “passionario” Matteo Dell’Osso avrebbe ammesso: “Al posto di Di Maio c’è un buco. E l’assenza di un competitor nel tempo potrebbe far venire a Salvini la voglia di andare al voto”. Questo è il terrore dentro il M5s, perché chi li deve guidare (da partito di maggioranza) secondo gli stessi sondaggi è in crisi gravissima. La rilevazione di Ixè sul gradimento dei leader assegna all’uomo di Pomigliano un umiliante quarto posto, dietro al premier Giuseppe Conte, a Salvini e addirittura Paolo Gentiloni. D’altronde, l’immagine che resta negli occhi e nella mente degli italiani è una sola: mentre Salvini dichiarava guerra all’Europa su migranti e rom, Di Maio taceva o, tutt’al più, parlava di riders. Non esattamente una mossa vincente.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.