IL DRAMMATICO RACCONTO DI SIMONE: “SONO SCOMPARSE DAVANTI AI MIEI OCCHI”

L’alluvione delle Marche è uno dei drammi più terribili della storia recente italiana. La notte dello scorso 15 settembre sarà ricordata per sempre dai cittadini marchigiani, colti totalmente di sorpresa dinnanzi ad un ondata di maltempo biblica. Una clamorosa alluvione ha inondato diverse località soprattutto nella provincia di Ancona, causando ben 11 vittime confermate.

Un bilancio destinato, purtroppo, a salire: sono ancora in corso le ricerche di numerosi dispersi. Tra questi ci sono i familiari del povero Simone, un ragazzo appena 23enne che ha visto sparire davanti ai propri occhi la sorella, ritrovata deceduta, e la madre, ancora dispersa. Le sue parole sono cariche di commozione: ecco il racconto di quegli attimi terribili.

LA TESTIMONIANZA DI SIMONE
Aveva appena 17 anni, Noemi Bartolucci, la sorella appena adolescente di Simone, strappata troppo giovane alla vita dalla forza impetuosa dell’acqua del Nevola. Insieme a lei, c’era la madre 56enne Brunella Chiù, le cui speranze di salvezza sono ridotte ormai quasi a zero, e il fratello Simone, il 23enne da cui ci arriva appunto questa testimonianza incredibile.

Ai microfoni del Corriere Adriatico, il ragazzo ha raccontanto, con la voce rotta dalla commozione, il terribile momento in cui la forza dell’acqua si è portata via le persone a lui più care: “Sono sparite sotto i miei occhi. Io ero aggrappato a un albero, sono rimasto lì due ore, forse di più. Loro sono state trascinate via dal fiume, mentre provavano a scappare con l’auto. Era il finimondo”.

I tre sono stati travolti dall’alluvione mentre si trovavano in macchina, proprio nell’intento di fuggire da quell’ondata di maltempo che, purtroppo, li ha beccati in pieno. Al momento la madre di Simone risulta ancora tra i dispersi e, con il passare delle ore, la speranza di trovarla ancora in vita è sempre più appesa ad un filo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.