Saronno, lascia i bambini di 11 e 7 anni soli in casa per fare delle commissioni: denunciata mamma

Una mamma di circa 50 anni residente nella zona di Saronno, è stata denunciata dai carabinieri per aver lasciato i suoi bambini di 11 e 7 anni da soli in casa. Alcuni agenti di polizia hanno scoperto ciò che stava accadendo per caso e per fortuna nessuno ha riportato gravi conseguenze.

bambini soli

L’episodio si sarebbe potuto concludere in tragedia, se le forze dell’ordine non fossero arrivate tempestivamente. La donna ora rischia anche il carcere fino a 5 anni.

Stando alle informazioni rese note da alcuni media locali, i fatti sono avvenuti nella mattinata di mercoledì 10 agosto. Precisamente in un appartamento che si trova nel comune di Saronno, in provincia di Varese.

La mamma, una donna di 50 anni che vive nella zona, ha lasciato i figli da soli nella casa della sorella. In primo momento sono rimasti con il compagno della ragazza.

bambini soli

Tuttavia, quest’ultimo è dovuto uscire poiché aveva altri impegni e non è potuto rimanere con loro. Gli agenti che si trovavano di passaggio in quella strada e stavano facendo dei controlli nella palazzina, hanno notato qualcosa di strano in quell’abitazione.

Per questo sono andati subito a controllare. È proprio a quel punto che hanno trovato i due fratellini che erano in casa da soli, senza nessun adulto che li tenesse sotto controllo.

Bambini di 11 e 7 anni soli in casa: la ricerca della madre

Le forze dell’ordine per prima cosa li hanno portati in un posto sicuro e subito dopo, si sono messi alla ricerca disperata della loro mamma.

Sono riusciti a rintracciarla in breve tempo e la donna, per spiegare il suo gesto, si è giustificata dicendo che doveva fare delle commissioni importanti.

bambini soli

Gli agenti di polizia hanno deciso di denunciarla per il reato di abbandono di minore e rischia una pena fino a 5 anni di carcere. La sorella proprietaria dell’appartamento, invece, era a lavoro e sarebbe rientrata solo la sera, alla fine della giornata. Ora saranno solo le indagini a far luce su questa triste vicenda, che per fortuna non ha portato a gravi conseguenze.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.