“Capopopolo e badante della Gruber”: Travaglio secondo Mascheroni

Un ritratto al vetriolo sul potere, le ambizioni e le contraddizioni di uno dei giornalisti più “di tendenza” e “pop” che l’Italia abbia mai avuto, da Prezzolini a Montanelli, “vero uomo di destra che ha scritto per lungo tempo per giornali di sinistra” senza mai sostenere i partiti di quella fazione.

Non è delicato, Mascheroni, nel definirlo il “badante della Gruber”, riferendosi alla sua presenza fissa nella trasmissione Otto e Mezzo e facendo intendere che sia abile nel cosiddetto “bacio della morte”. Non sono finite bene le carriere politiche degli esponenti che ha sostenuto, da Antonio Di Pietro a Gianfranco Fini, da i girotondini di Moretti a De Magistris e Ingroia. Fino ai Cinque Stelle e Giuseppe Conte, destinati secondo Mascheroni all’irrilevanza.

“Demagogo, onnipresente, conduttore di talk show” secondo Mascheroni è lui il vero inaffondabile, a differenza di coloro che sostiene, rispetto ai quali sembra sempre essere sopravvissuto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.