Bevono l’acqua e si sentono male: in ospedale 27 bambini

La vicenda è accaduta lo scorso sabato, 16 luglio, a Maru a Puegnago, precisamente nel b&b Nonna Marì. Secondo quanto diffuso da Brescia Today, i minori avevano tutti età compresa tra i 7 e i 14 anni, mentre gli educatori tra i 20 e i 26 anni.

Le forze dell’ordine stanno indagando per cercare di capire cosa sia accaduto nel b&b e cosa abbia portato al malessere di tutti gli ospiti. Si pensa che siano stati intossicati dal cloro, forse per una probabile contaminazione.

Dopo l’allarme, lanciato intorno alle 23:00, otto mezzi di soccorso hanno raggiunto il posto e gli operatori sanitari hanno trasportato in ospedale 27 bambini.

I sintomi subito dopo cena

intossicati 27 bambini

Subito dopo cena, tutti i pazienti hanno iniziato a presentare sintomi come vomito, nausea e forte mal di testa. Fortunatamente nessuno è in pericolo di vita e, sempre secondo le prime notizie diffuse, i medici hanno parlato di un’intossicazione causata dall’acqua che gli ospiti hanno bevuto. Sono stati trasportati dalle ambulanze in codici giallo e verde.

Le indagini per i 27 bambini intossicati nel b&b

La polizia ha subito avviato un’indagine all’interno del b&b. Lo scopo è quello di capire se il liquido contaminato si trovi all’interno della struttura o in qualche posto vicino che i minori hanno visitato e nel quale potrebbero aver bevuto l’acqua. Nessun altro abitante della zona ha presentato gli stessi sintomi o è finito in ospedale a seguito di un’intossicazione.

intossicati 27 bambini

Fortunatamente la vicenda è finita bene, ma bisognerà attendere la fine delle indagini, per poter scoprire la natura dell’acqua contaminata e come sia finita nel corpo dei 27 bambini e di alcuni dei loro educatori. Le forze dell’ordine stanno cercando di chiarire la vicenda. Le prime verifiche effettuate hanno escluso problemi all’acquedotto.

Notizia in fase di aggiornamento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.