Cartabianca, Flavio Briatore: “Quanto offro a chi lavora con me”. La cifra: clamoroso

Flavio Briatore non cerca perifrasi e va dritto al punto. Ospite di Cartabianca, il talk show condotto da Bianca Berlinguer, mette nel mirino chi a suo dire non ha voglia di fare nulla. Tema centrale della puntata il reddito di cittadinanza. L’imprenditore ha infatti accusato i percettori del sussidio voluto dai 5 Stelle di non essere disposti alla fatica e al lavoro perché tanto possono incassare l’assegno comodamente sul divano. E così Briatore ha spiegato le sue difficoltà nel reperire personale per le sue attività nel mondo della ristorazione e degli hotel di lusso.

Così durante il collegamento con Cartabianca, Briatore ha affermato con toni duri: “Noi offriamo 1850 euro al mese come stipendio minimo eppure non troviamo personale. In Italia poi sono tassate anche la mance ai lavoratori dei ristoranti”. Parole chiare che hanno fatto cadere il gelo dato che l’assegno di cittadinanza è di circa 600 euro, meno della metà della paga di Briatore. Eppure c’è chi rifiuta il posto. Subito dopo l’imprenditore ha anche parlato delle sue stime per il flusso di affari di questa estate: “Questa sarà una grande estate, noi abbiamo il tutto esaurito ovunque. In questo momento non mi preoccuperei: dopo due anni di sacrifici, questa è la prima estate libera che abbiamo e la gente ne approfitterà”. Insomma dalle parti di Briatore c’è grande ottimismo per la stagione che si sta per aprire e di fatto l’imprenditore adesso cerca di reclutare personale con una busta paga più che dignitosa ma con poca fortuna.

E a Briatore si è associato anche Al Bano presente in studio ha voluto riobadire la sua posizione sul reddito di cittadinanza: “Se mi danno dei soldi per stare a casa, io ci sto e lavoro il meno possibile. Il reddito di cittadinanza è sacrosanto per chi ne ha bisogno ma si è allargato un po’ troppo il giro. Bisogna prendere il toro per le corna”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.