“Non l’avevano rapita”. Svolta choc sulla morte di Elena Del Pozzo, la bimba di 5 anni. La mamma parla

Omicidio Elena Del Pozzo, secondo Skytg24 la madre avrebbe confessato. 5 anni, il rinvenimento del cadavere della piccola Elena, riporta Adnkronos, è stato reso possibile in seguito alle pressioni degli inquirenti durante gli interrogatori che da ieri sono andati avanti senza sosta. Dalla procura etnea viene confermato che la stessa madre ha fatto ritrovare il corpo. Il cadavere della bambina è stato trovato vicino alla loro abitazione di Mascalucia.


La madre della piccola Elena “stanotte ha subito un lungo interrogatorio. Stamattina ha fatto ritrovare il cadavere – dice ad Agi il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro – e adesso stiamo raccogliendo le sue dichiarazioni presumibilmente confessorie”. Nell’interrogatorio della notte scorsa “la madre era stata lungamente sentita” e “le erano state contestate varie incongruenze”.

Omicidio Elena Del Pozzo

Omicidio Elena Del Pozzo, gli investigatori non hanno creduto alla madre


Le indagini dei carabinieri e della Procura di Catania hanno puntato sia sul rapimento sia sulla denuncia della madre che è apparsa “poco credibile” nella ricostruzione fornita. Alcune ‘anomalie’ sono emerse subito agli investigatori. (Lggi anche “È suo il corpo”. Finite le speranze di trovare in vita Marco, era scomparso da 2 settimane)

Omicidio Elena Del Pozzo


La dinamica del sequestro nel racconto della donna, ricorda Skytg 24, parlava di tre uomini incappucciati e uno armato di pistola. Nessun testimone, oltre lei, dell’episodio. Non aveva chiamato subito aiuto sul posto, telefonando al 112, ma prima andava a casa e poi con i familiari dai carabinieri a presentare la denuncia.

Omicidio Elena Del Pozzo


“Sono sconvolto. Appresa la notizia sono scoppiato in un pianto a dirotto. È una notizia di una drammaticità unica che non avremmo mai voluto apprendere” ha detto il sindaco di Mascalucia, Enzo Magra, appresa la notizia del ritrovamento del cadavere della piccola Elena.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.