“Cosa c’è davvero”. Capuozzo avvisa gli italiani, il sospetto mette i brividi

In Italia in questi giorni ci sono molte preoccupazioni, a partire dalla crisi internazionale che si è scatenata ad Est dell’Europa, in Ucraina precisamente, crisi che sta tenendo sulle spine il mondo intero. La situazione infatti non accenna assolutamente a placarsi e la diplomazia internazionale sta cercando disperatamente di trovare una soluzione. Il Paese ucraino è entrato infatti in contrastato con la Russia. Ma ci sono altre situazioni che stanno generando apprensione tra la popolazione.

Proprio in queste ore i media italiani hanno diffuso la notizia di un attacco hacker perpetrato dai russi nel nostro Paese e che avrebbe colpito alcuni siti istituzionali italiani, tra cui quello del Ministero della Difesa. Questa circostanza è stata però smentita dallo stesso Stato Maggiore di Difesa, affermando che il loro sito era fermo per attività ordinaria di manutenzione. Per quanto riguarda gli altri siti colpiti si è specificato che i danni non sono stati molti, ma al momento ci sono indagini da parte della Polizia. Nel programma “Quarta Repubblica”, il 9 maggio scorso, si è tornato a parlare della crisi. Ed è qui che sono emersi particolari inquietanti.

Il sospetto terribile

“Quarta Repubblica” è un programma che va in onda su Rete 4 ed è condotto dal giornalista Nicola Porro. Ospite della trasmissione era il giornalista Toni Capuozzo, volto notissimo della televisione e dell’informazione italiana. Capuozzo nel corso della sua carriera ha seguito in particolar modo le tensioni in Jugoslavia, Medio Oriente e Afghanostan, ed è un profondo conoscitore della politica internazionale.

Proprio il cronista, già direttore del Tg5 in passato, era invitato come opinionista nella trasmissione di Porro, e ha espresso il suo personalissimo pensiero su quanto sta accadendo in Ucraina, parlando della situazione che si è venuta a creare all’interno dell’acciaieria “Azovstal”a Mariupol. Qui da mesi è infatti asserragliato il battaglione Azov.

Ci si è chiesto in trasmissione, quindi, come mai i russi non portino un attacco finale proprio sull’acciaieria. E Capuozzo ha più di un sospetto. “La voce più volte ripetuta è che lì sotto ci sia non solo un laboratorio chimico, o resti, ma decine di uomini che non sono ucraini e non sono neanche russi, ma sarebbero occidentali” – questo il pensiero di Toni Capuozzo che ha fatto gelare anche gli ospiti in studio e gli stessi italiani che vedevano la tramissione. Vedremo quindi come evolverà la situazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.