Addio al bollo auto per 5 anni? Ecco a chi spetta l’esenzione quinquennale

ADDIO AL BOLLO AUTO PER 5 ANNI? ECCO A CHI SPETTA L’ESENZIONE QUINQUENNALE

Chi è esentato dal pagare il bollo auto? Le esenzioni riguardano i proprietari di veicoli che hanno una disabilità sostenuta dalle agevolazioni della Legge 104, poi  le vetture con più di trent’anni e non per uso professionale. Le Regioni hanno anche la possibilità di decidere di applicare decurtazioni variabili a seconda del territorio e delle auto. Il Bollo resta comunque una tassa obbligatoria. Chi non lo paga va incontro a sanzioni con interessi aggiunti al fermo amministrativo del veicolo, quindi meglio non rischiare. Alcune categorie però possono non pagare il bollo per 5 anni.

ECCO CHI NON PAGA IL BOLLO PER 5 ANNI

L’esenzione quinquennale bel bollo riguarda i veicoli elettrici e in alcuni casi anche per quelli ibridi, come riporta  contocorrenteonline.it. Il bollo auto è una tassa regionale, variabile a seconda delle amministrazioni. I proprietari delle auto elettriche sono esentati dal pagamento del bollo per 5 anni. La misura è stata pensata per incentivare l’acquisto di veicoli sostenibili e ridurre l’impatto dei gas di scarico sull’atmosfera.

LE AUTO IBRIDE

Le auto ibride possono avere questa esenzione, ma bisogna considerare alcune variazioni da Regione in Regione. Chi acquista un’auto ibrida può andare sul portale dedicato dell’Automobile Club d’Italia (Aci) per verificare se siano presenti delle esenzioni per questo tipo di vettura nella propria regione. E’ proprio l’Aci che gestisce il pagamento del Bollo auto e quindi indica anche le eventuali agevolazioni.

AUTO ELETTRICHE E IBRIDE, COSA CAMBIA?

L’esenzione quinquennale è un incentivo concesso a chi sostiene spese più ingenti per poter acquistare un’auto a basso impatto ambientale e riguarda tutte le auto elettrice, mentre per quelle ibride dipende dall’amministrazione regionale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.