Malore dopo il tennis, Matteo muore alla vigilia del suo 45esimo compleanno

Un malore improvviso, una notizia che lascia senza fiato quella della scomparsa di Matteo Chini. 44 anni, di Conegliano, è stato trovato senza vita nell’androne del suo garage. Fatale un malore che l’avrebbe colpito venerdì sera dopo essere rientrato da una partita a tennis giocata a Villorba. Laureato in Ingegneria meccanica a Trieste, Chini lavorava come ispettore Inail ed era molto conosciuto nella zona del Coneglianese, sotto choc dopo aver saputo la notizia.

A dare per prima l’allarme una condomina accortasi del corpo senza vita del 44enne. Matteo Chini era riverso a terra nell’androne del garage, in un luogo difficilmente raggiungibile, fattore che ha impedito di allertare subito i soccorsi. Quando l’ambulanza del Suem 118 è arrivata sul posto per il 44enne non c’era ormai più nulla da fare. Matteo Chini era posato con Ilaria, non aveva figli ma suo padre aveva perso la vita, come lui, per problemi cardiaci.

matteo chini malore morto 44 anni


La morte di Matteo Chini arriva alla vigila del suo compleanno: il 6 marzo avrebbe compiuto 45 anni. Nelle ore scorse una giovanissima aveva perso la vita in circostanze ancora misteriose. Una ragazza nel fiore dei suoi anni, appena 22, era stata ritrovata senza vita nell’alloggio che condivideva con il fidanzato. Clelia Comparin se ne era andata tra venerdì 4 e sabato 5 marzo. E nessuno ancora riesce a capire perché.00:00/00:00

ambulanza soccorsi


“Era una persona davvero solare e simpatica – dice Isabel, una sua amica – mi divertivo un sacco con lei, mi faceva sempre ridere. Era l’amica perfetta sempre presente e se avevi bisogno di una mano si faceva in 4 per aiutarti. Era una ragazza tranquilla”. Lei, Clelia, era originaria di Poleo. Il ragazzo, invece, Tommaso Conte, è di Thiene.

soccorsi ambulanza 118


Come nel caso di Matteo Chini fatale potrebbe essere stato un infarto. L’arresto cardiaco improvviso si verifica a causa di un’aritmia quando il cuore batte a un ritmo così elevato da cominciare a vibrare, cessando di pompare il sangue al corpo e al cervello. In assenza di un immediato intervento, può portare al decesso nell’arco di pochi minuti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.