Strage sulla A1: auto contromano provoca morti e feriti

Ancora sangue sulle strade italiane. Ieri sera, sabato 5 marzo, un terribile incidente si è verificato nel tratto casertano della A1, tra Capua e Santa Maria Capua Vetere, in direzione di Napoli.

A scatenare la tragedia, un’auto che avrebbe percorso circa 1 km contromano prima del devastante impatto con altre due vetture. Secondo alcuni testimoni, un camion e alcune auto si sarebbero fermate per permettere alla 500 che che stava entrando contromano nell’autostrada del Sole la manovra per rimettersi nella giusta direzione ma il tentativo, purtroppo, si è rivelato inutile.

La ricostruzione della tragedia

L’impatto della Fiat 500 X contro un un Range Rover Discovery ed una Ford Mondeo ha provocato un dranmmatico bilancio: 3 morti e 2 feriti in gravi condizioni. Le pattuglie, giunte sul posto poco dopo l’incidente, hanno trovato sull’asfalto i corpi di alcuni occupanti delle auto, sbalzati fuori dal forte impatto, e altri ancora intrappolati tra le lamiere.

La squadra dei vigili del fuoco del Capoluogo ha provveduto ad estrarre dagli abitacoli completamente distrutti i corpi senza vita delle vittime ed i 2 feriti, affidandoli alle cure dei sanitari. Il tratto autostradale è stato chiuso per permettere i soccorsi. A chi viaggiava verso Napoli è stato consigliato di uscire a Caianello, percorrere la Statale 7 Appia e rientrare in autostrada a Santa Maria Capua Vetere. Sul posto sono intervenuti il personale di Autostrade per l’Italia, la Polizia Stradale e i soccorsi meccanico sanitari.

Dopo la chiusura per i soccorsi e per rimuovere i mezzi, Autostrade per l’Italia ha reso noto che è stato riaperto il tratto autostradale della A1 tra Capua e Santa Maria Capua Vetere in direzione Napoli. Ora è tutta da accertare la dinamica che ha provocato questo tragico bilancio e se il conducente, alla guida della vettura che viaggiava contromano, è negativo agli esami alcolemici e tossicologici.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.