Meteo Italia, settimana di Natale gelida: freddo e neve a bassa quota

Addio sole durante la settimana di Natale. L’alta pressione che da qualche giorno sta proteggendo l’Italia nel corso della prossima settimana sarà sconfitta dall’irruenza del flusso perturbato atlantico. Mattia Gussoni, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, informa che “fino a mercoledì 22 dicembre l’anticiclone delle Azzorre riuscirà a mantenere un’atmosfera stabile su gran parte d’Italia.


Al Nord, molte nubi e locali banchi di nebbia potranno interessare la Pianura Padana mentre sul resto d’Italia il sole sarà prevalente. Da giovedì 23 lo scenario meteorologico è destinato a cambiare: correnti via via più umide in arrivo dall’Atlantico prenderanno il posto dell’alta pressione e attiveranno venti meridionali che accompagneranno molte nubi dirette verso i settori tirrenici”.

meteo


“Questo graduale deterioramento del tempo sfocerà nella formazione di un vero e proprio ciclone proprio tra la vigilia di Natale, Natale e la giornata di Santo Stefano – spiega il meteorologo – nei giorni culmine delle feste piogge battenti colpiranno le regioni tirreniche, dalla Toscana alla Campania, ma anche il Nord, a partire dai settori occidentali verso quelli orientali”.

meteo


“La perturbazione sospinta da venti meridionali sarà alimentata da aria piuttosto fredda in quota che permetterà alla neve di cadere copiosa su tutto l’arco alpino, a quote superiori ai 1000-1200 metri. Sugli Appennini la quota neve sarà decisamente più alta. Le temperature non subiranno sostanziali variazioni, ma è importante segnalare che su molti settori pianeggianti del Nord i valori massimi si manterranno di pochi gradi sopra lo zero (a parte lunedì 20) per tutto il periodo preso in considerazione”.

meteo


Quanto a fine anno, le anomalie negative tenderebbero ad assorbirsi sull’Europa orientale, mentre rimangono ampiamente positive tra Islanda e Groenlandia, oltre che sull’Europa sud-occidentale. In questa fase dovremmo assistere a tempo ancora instabile a tratti perturbato sull’Italia, che sarà spesso terra di scontro tra le masse d’aria più mite in risalita da Sud e aria gelida dalla Russia, che in tal frangente potrebbe in parte interessare anche la Penisola. Non esclusi risvolti nevosi a bassa quota non solo al Nord.
Caffeina by Adnkronos
www.adnkronos.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.