“Offro 3mila euro al mese, non accettano”. L’imprenditore che, in Italia, non trova dipendenti

Loading...

È stato costretto a rivolgersi ai giornali un imprenditore in cerca di lavoratori. Ma non è l’unico ad avere lo stesso problema. Parliamo di camionisti e secondo l’allarme lanciato da Il Sole 24 Ore, nessuno vuole più svolgere questo mestiere in Italia mettendo a rischio tutta la catena di distribuzione. A raccontarlo al Corriere della Sera è Gerardo Napoli, amministratore unico della società di logistica Napolitrans spiega di essere disposto a pagare tremila euro al mese pur di trovare gli autisti. Ne cerca 60. “Guardi che io di questi 60 autisti ho veramente bisogno. Contratto della logistica, tutto in regola: lo scriva”.

Loading...
Gerardo Napoli camionisti 3mila euro

Gerardo Napoli dice ancora: “Nove ore al giorno per 5 giorni, tremila euro netti al mese”, sottolinea prima di spiegare di cosa si occupa la sua società. “La mia azienda consegna alimentari alla grande distribuzione. Siamo arrivati a 80 milioni di fatturato ma potremmo fare di più: il nostro giro d’affari è limitato dalla mancanza di personale”. Ma secondo l’amministratore non si tratta solo un problema di volontà, a volte mancano le possibilità economiche. “Per fare il camionista ci vuole la patente E”, dice.

E ancora Gerardo Napoli: “Per prenderla servono seimila euro circa e sei mesi di studio. Non tutti hanno la costanza e i soldi”. “Non possiamo farci carico noi del costo della patente”, dice l’amministratore unico i Napolitrans. Seimila euro moltiplicato per 60 lavoratori, sottolinea, “sarebbe un investimento troppo oneroso”.

Ma afferma Gerardo Napoli: “Se ci fosse un investimento pubblico per aiutare disoccupati in uscita da un’azienda in crisi a conseguire la patente, noi valuteremmo con attenzione le candidature”. Per sopperire alla mancanza di camionisti Anita, l’associazione della logistica aderente a Confindustria, propone di favorire gli ingressi di extracomunitari con la patente.

“È sicuramente una strada. Ci sono tanti ucraini e kazaki pronti a fare questo mestiere. Dopo un anno di lavoro devono ottenere la Cqc, la carta di qualifica-zione del conducente […] Pagati di meno? Qui li impieghiamo con il contratto italiano della logistica. Sul piano dei costi per noi non cambia niente”, conclude Gerardo Napoli.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.