Morto a 7 anni per una punizione (insensata) della mamma. Il piccolo lo hanno trovato lì, senza vita

Loading...

Una punizione orrenda della madre ha causato la morte di un bambino di appena sette anni. Una crudeltà assoluta, che ha lasciato tutti sgomenti. Un destino inaccettabile per la vittima, deceduta così prematuramente per colpa di un genitore che ha usato tutta la cattiveria possibile e che non ha mostrato pietà nei suoi confronti. Per lei ovviamente ci sarà adesso un processo in un’aula di tribunale e avrà molte difficoltà a spiegare e a giustificare quello di cui si è resa protagonista.

Hakeem Hussain Morto 7 anni Gelo Punizione Madre Regno Unito

Il corpo del bimbo è stato trovato privo di vita all’esterno della loro abitazione. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, lui e la mamma avevano avuto un grosso litigio familiare per cause in corso di accertamento. A quel punto la donna ha preso una decisione drastica e assurda, che ha provocato la scomparsa del figlio. Un gesto inconsulto, che ha davvero rattristato e angosciato tutta la comunità, che mai si sarebbe potuta aspettare una situazione del genere, che invece si è verificata.

Loading...
Hakeem Hussain Morto 7 anni Gelo Punizione Madre Regno Unito

Il bimbo, che si chiamava Hakeem Hussain, è morto quindi a 7 anni dopo essere stato messo fuori casa dalla madre. Fuori dalla sua residenza, situata nel Nechells, nel Regno Unito, c’era un freddo incredibile e proprio per colpa del gelo il suo cuore non ha retto e ha smesso di battere. Adesso nei confronti del genitore, Laura Heath di 39 anni, si prefigura un processo nel quale dovrà difendersi dall’accusa di omicidio colposo. A quanto pare le temperature gelide gli hanno provocato un infarto.

Oltre alla madre, era presente in casa pure lo zio di Hakeem Hussain, che era dunque lì nel momento in cui il piccolo di sette anni è stato sbattuto fuori al gelo. Anche lo zio è sotto la lente di ingrandimento della magistratura ed è dunque ritenuto complice della donna. Tutti ricordano la vittima come un bambino “molto sensibile, un vero amico, sempre disponibile e gentile”. Da parte della mamma è arrivata la sua prima dichiarazione, che però non è sembrata alquanto convincente finora.

Laura Heath, madre di Hakeem Hussain, ha riferito agli investigatori che non si era resa conto della gravità della situazione. Non aveva quindi compreso esattamente che il figlio fosse in condizioni fisiche serie e per questa ragione non l’aveva fatto rientrare. Una tesi che a quanto sembra non avrebbe convinto l’accusa, che adesso si augura sia fatta giustizia al più presto per onorare la memoria dello sfortunato bambino.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.