Italiani espulsi dalla Tunisia mentre barconi carichi di tunisini sbarcano in Italia

Loading...

“Si susseguono ormai da settimane i respingimenti di cittadini europei, alcuni dei quali italiani, e partiti dal porto di Palermo, alla frontiera tunisina. In molti casi senza motivazioni valide spiegate ai malcapitati. Forse dovremmo prendere esempio da loro”. A dichiararlo il capogruppo della Lega a Palermo Igor Gelarda in una mail a StopCensura.

Loading...

“Uno studente palermitano Erasmus, regolare a Tunisi, è stato bloccato per ben 12 ore alla dogana e poi rimpatriato col primo traghetto e rispedito in Italia. Non è giusto non fare entrare chi ne ha diritto, ma neanche far entrare chi quel diritto non ce l’ha. Come accade in Italia. Potremmo dire che si tratta di una situazione paradossale, ma in realtà se l’Italia imparasse dai tunisini ad essere più vigile sui controlli alla dogana e alle frontiere forse non saremmo diventati “l’hot spot dell’Europa”. “E non avremmo situazioni paradossali di un ministro dell’Interno mandato al processo per avere difeso i confini. Ci chiediamo se adesso il sindaco Orlando scriverà una nota di vibrante protesta al governo tunisino per questo respingimento” conclude Gelarda.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.