Mezz’ora in più, Barbara Lezzi sul M5s: “Gli espulsi possono ricorrere al comitato di garanzia, ma è presieduto da Vito Crimi”

Loading...

Barbara Lezzi, ospite a Mezz’ora in più su Rai 3, svela la beffa del Movimento 5 Stelle. Nel salotto di Lucia Annunziata, la ribelle grillina si dice contraria alle espulsioni di quei Cinque Stelle come lei, che hanno votato contro Mario Draghi. “Possiamo – spiega nella puntata di domenica 21 febbraio – ricorrere al comitato di garanzia interno, ma è sempre presieduto da Vito Crimi. Io vorrei restare, e continuerò a ricorrere per restare. E voglio correre per il comitato direttivo”. Insomma, la senatrice fa intendere che anche il ricorso sarebbe un buco nell’acqua. D’altronde il comitato è presieduto dallo stesso che ha messo alla porta 15 deputati e 21 senatori. 

Loading...

Poi la Lezzi punta nuovamente il dito contro il quesito su Rousseau, quello che ha dato il via libera al nuovo governo: “L’assunto con la previsione che proponeva il blog nel quesito non si è realizzato, cioè non si è fuso il ministero dell’Ambiente con quello dello Sviluppo economico”. Da qui un’altra frecciatina ai vertici a Cinque Stelle: “Non si può paragonare lo stare insieme oggi al governo, con lo stare insieme del M5s con la Lega del governo giallo-verde, lì c’era un contratto e il M5s era maggioranza”. Oggi invece è diverso. 

Il Movimento 5 Stelle ha sostenuto il governo Draghi senza ottenere nulla in cambio. Neppure quel ministero proposto da Beppe Grillo e che ha visto la nomina di Roberto Cingolani, e non di un grillino, a dirigerlo. “Il 41% – prosegue – di chi ha votato no al quesito sulla fiducia al governo Draghi deve essere rappresentato. Non capisco perché chi la pensa diversamente non possa partecipare”. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.