Israele: “Vaccino da domenica, 60 mila dosi al giorno”. E spunta il “passaporto verde”

Loading...

Vaccino e un “passaporto verde”: questa è la strategia di Israele per affrontare “l’inizio della fine della pandemia” di Covid-19, come ha ricordato in questi giorni il premier Benjamin Netanyahu. Dunque la campagna vaccinale nello Stato ebraico dovrebbe cominciare tra una settimana, domenica nello specifico. L’obiettivo dichiarato è quello di arrivare a vaccinare 60 mila persone al giorno.

Loading...

Non solo il vaccino, Israele punta anche sul passaporto

Ma la novità forse più interessante della strategia israeliana, oltre al ricorso rapido al vaccino, è quella dell’istituzione di un passaporto sanitario, denominato “passaporto verde”, che permetterà ai vaccinati di evitare le restrizioni, compresa la quarantena prevista per chi è entrato in contatto con dei positivi. A rilasciarlo sarà il ministero della Salute. In Israele in generale la situazione è meno grave che altrove, visto che ieri è stata superata quota 3 mila morti dall’inizio della pandemia (in proporzione una cifra molto più bassa se paragonata all’Italia) e il tasso di positività è del 3,4% su 49 mila tamponi (in Italia viaggiamo in doppia cifra per capirci…). Benjamin Netanyahu ha visitato personalmente le strutture dove sono stoccati i vaccini della Pfizer, chiedendo a tutti “il rispetto delle regole” perché “non c’è ragione di avere altri morti, tragedie e malati gravi”.

Vaccino a breve anche in Spagna

Di vaccinazione a brevissimo termine si parla anche in Spagna: “La vaccinazione anti covid in Spagna partirà dal 4 o 5 gennaio, dopo il via libera da parte dell’Agenzia europea per i medicinali” ha detto il ministro della Salute, Salvador Illa. Sempre guardando ai nostri vicini europei oggi in Francia è partito lo screening di massa basato su tamponi anti covid gratuiti per tutti. Si comincia in due città d’Oltralpe: Le Havre e Charleville-Mezieres. Nel dipartimento dell’importante centro della Normandia l’obiettivo è testare 270 mila abitanti in cinque giorni. Seguiranno poi le città di Roubaix e Saint-Etienne.

Davide Romano

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.