Milano, giudice sospende sfratto al ristorante che non riesce a pagare l’affitto: “Rinegoziare il contratto per dovere di solidarietà”

Loading...

Un ristoratore di Settimo Milanese è stato sfrattato perché non è riuscito a pagare l’affitto di marzo, aprile e maggio causa lockdown. Si tratta, in totale, di 10.600 euro. Una situazione drammatica che tocca diversi lavoratori in Italia. Ma c’è una buona notizia, perché il giudice del tribunale di Milano, Arianna Chiarentin, ha “congelato” lo sfratto, rinviando la causa a dicembre e chiedendo alle parti di rinegoziare il canone. In particolare, ha fatto appello al dovere di solidarietà, previsto dalla nostra Costituzione.

Loading...

“Nell’emergenza sanitaria in corso è da ritenersi necessaria, alla luce del principio di buona fede e correttezza nonché dei doveri di solidarietà costituzionali, una rinegoziazione del canone”, ha dichiarato il giudice, chiarendo che altrimenti i sacrifici imposti verrebbero scaricati solo sull’affittuario. Inoltre, la giudice ha spiegato anche che se il locale fosse rimesso sul mercato in questo momento, “verosimilmente non otterrebbe” più il valore fissato dall’ultimo contratto. Il valore, infatti, sarebbe ridotto.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.