Napoli, baby-rapinatore ucciso in uno scontro a fuoco. Un secondo arrestato: il figlio di Genny ‘a Carogna

Una notte di sangue a Napoli, tra sabato 3 e domenica 4 ottobre: un rapinatore è morto e un secondo bandito è stato arrestato, il tutto in un conflitto a fuoco con la polizia che si è svolto nel capoluogo Campano. Gli agenti sono intervenuti per sventare una rapina ai danni di un gruppo di minorenni. A morire è stato uno dei due giovanissimi banditi, mentre il secondo che è stato arrestato, si è appreso, è il figlio di Genny ‘a Carogna, l’ultrà del Napoli balzato anni fa agli onori delle cronache prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, nel 2014, quando fu ucciso Ciro Esposito, tifoso del Napoli, da un ultras della Roma. Gennaro De Tommaso prese il comando della “trattativa” con le forze dell’ordine e con il capitano del Napoli di allora, Marek Hamsik, per non far disputare la partita, riuscendoci.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.