La sinistra ama i dittatori. Folle piazza comunista

Loading...

La «mozione della vergogna», la «scandalosa mozione» «tanto vergognosa quanto inaccettabile». La «mozione della discordia» che «non deve passare».

Per non farla passare oggi arriveranno a Dalmine (Bergamo) anche da Brescia e da chissà dove: i compagni del Partito comunista bresciano troveranno in piazza tutta la sinistra, e i compagni della Cgil e l’Anpi, che «esprime profonda preoccupazione», per il «messaggio strumentale e populista» contenuto nella mozione, oltretutto «privo di qualsiasi fondamento scientifico».

Ma cosa prevede mai questa «mozione della vergogna» che sarà discussa e approvata stasera nel centro industriale della Bergamasca? Ebbene, ricalca l’impostazione della risoluzione approvata esattamente un anno fa al Parlamento europeo, quella che equipara fascismo e comunismo. E perché mai a Dalmine si discute di fascismo e comunismo? Perché nel 2017 la maggioranza consiliare (allora di centrosinistra) introdusse anche a Dalmine – come a Milano e in tanti altri Comuni d’Italia – una norma che poneva come condizione per ottenere sale o spazi comunali, o per occupare il suolo pubblico, una dichiarazione di fedeltà alla Costituzione e ai «valori antifascisti e antinazisti». E la maggioranza che regge il Comune adesso (di centrodestra) ha semplicemente pensato di integrarla con una dichiarazione di rispetto della Costituzione italiana e di «condanna di tutti i regimi e le ideologie ispirate al nazismo, al fascismo e al comunismo, nonché ai radicalismi religiosi». Un rifiuto del totalitarismo insomma, categoria che ben comprende anche i regimi islamisti e ogni altra forma di violenza religiosa. Ineccepibile.

Loading...

Eppure l’intera (intera) sinistra lombarda è mobilitata contro questa ineccepibile (e si direbbe banale) integrazione, suffragata da una risoluzione del Parlamento europeo. «Cosa c’è che non va? Bella domanda – sorride il vicesindaco e assessore alla Cultura, Gianluca Iodice (Forza Italia) – l’idea è di una consigliera, Antonietta Zanga, eletta nella mia stessa lista, Noi siamo Dalmine. Questa signora iscritta a Fdi, ma di certo non incline al fascismo, ha sempre dovuto firmare il vecchio modulo, che richiedeva questa sorta di fedeltà antifascista, e ovviamente ha pensato non già di eliminare questa previsione, anche perché non aveva alcun problema a sottoscriverla, ma di integrarla. Lo ha proposto ai gruppi di maggioranza, che hanno accolto la proposta, e insieme abbiamo scritto la mozione».

«Personalmente – aggiunge Iodice – nel 2017 alla fine ho votato a favore di quella norma. Avevo qualche dubbio, perché consideravo ridondante quella dichiarazione, a mio avviso non c’era niente da aggiungere rispetto alla fedeltà alla Costituzione, e in più vedevo il problema di una dichiarazione che sanzionava non l’iniziativa fascista, o la manifestazione fascista ma il fascista in sé, che non avrebbe potuto neanche vendere le azalee per la ricerca sul cancro. Comunque votai a favore, sono un liberale conservatore, un moderato, votai a favore, anche se si capiva che l’obiettivo non era Casa Pound, che pareva dovesse prendere il 40%». «Ora – conclude – vorrei capire perché una sinistra normale non può votare questa versione e perché non riesce a liberarsi delle frange comuniste, perché tradisce una risoluzione europea, perché si fa guidare da compagni che fanno la campagna elettorale col colbacco a giugno e difendono la Cina, o non distinguono la Caritas dagli islamisti. Perché nel 2020 è ancora giustificazionista rispetto a dittature sanguinarie? Albert Einstein diceva che la follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi. Lo dirò in Consiglio, se potrò parlare».

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.