La startup dei buonisti radical chic sfruttava i migranti nei campi come schiavi a 4,5 euro l’ora: sequestrata

Loading...

Milano, 25 ago – E’ finita sotto sequestro per sfruttamento della manodopera – costituita per lo più da immigrati – la blasonatissima, solidarissima, radical chicchissima startup milanese Straberry. Quando si dice il caso. Fondata da un giovane imprenditore ex bocconiano e dal doppio cognome, il trentunenne Guglielmo Stagno d’Alcontres, trattava la vendita a chilometro zero di frutta e ortaggi coltivati alle porte di Milano e venduti nei quartieri del centro città con le Apecar. Un progetto pensato e sviluppato per la sinistra al caviale meneghina, vincitore dell’Oscar Green di Coldiretti nel 2013 e nel 2014, più volte citato e preso ad esempio per l’impegno ecologico. Un piccolo impero del valore di sette milioni e mezzo di euro, che ora è sotto sequestro. Stagno è infatti accusato di aver sfruttato un centinaio gli immigrati, che lavoravano senza tutele, per nove ore al giorno e pagati 4,5 euro l’ora.

L’inizio delle indagini

Le indagini, condotte dai finanzieri della compagnia di Gorgonzola, sono iniziate a maggio in seguito ad una serie di controlli di routine nelle banche dati Inps compiute sui dipendenti assunti dalla startup. E’ subito venuto a galla uno strano flusso di lavoratori assunti dalla StraBerry solo per pochissimi giorni. Solo dopo ulteriori approfondimenti da parte delle Fiamme gialle è emerso che l’azienda era solita assumere giovani immigrati facendoli lavorare a contratto solo per non più di due giorni. Poi la collaborazione veniva interrotta.

Loading...

Trattati come schiavi

Un metodo astuto per aggirare i controlli ed evitare di corrispondere il lavoro svolto dagli immigrati. Ma la verità è venuta a galla lo stesso. I finanzieri hanno così appurato che per l’azienda agricola di Cassina de’ Pecchi lavoravano un centinaio di stranieri, per molte ore al giorno e con paghe da schiavi. Il pm Gianfranco Gallo ha quindi disposto il sequestro urgente dell’azienda (già convalidato dal gip) e indagato sette persone per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Sono scattate le denunce per i due amministratori della StraBerry, due «sorveglianti della manodopera», un consulente del lavoro addetto alle buste paga e due dipendenti amministrative.

La startup “umana” che non forniva nemmeno le mascherine

Come avveniva il sistema di reclutamento? Tramite il passaparola nei centri di accoglienza ai migranti. Non è tutto: i datori di lavoro non fornivano ai dipendenti i necessari dispositivi di protezione individuale contro il coronavirus nemmeno nelle settimane di maggiore emergenza.

«Avevamo avuto diversi contatti con i lavoratori di quell’azienda — dichiara al Corriere Giorgia Sanguinetti, segretaria della Flai Cgil di Milano — che lamentavano anomalie nella gestione degli orari di lavoro, scarsa trasparenza nelle buste paga e soprattutto atteggiamenti vessatori da parte dei loro referenti in azienda. In modo particolare pressioni fortissime per aumentare le vendite e controlli oppressivi». Fino alla scoperta: «Purtroppo, anche se sono vicende che siamo abituati ad associare ad altre latitudini, non possiamo meravigliarci — spiega — perché abbiamo intercettato tante situazioni di “lavoro grigio”. Ma anche se i lavoratori esprimono una forte domanda di assistenza sindacale, ci scontriamo con una forte reticenza e paura nel raccontare le loro situazioni. Ci sono meno occasioni di lavoro e i datori che ricorrono all’illegalità hanno affinato le tecniche».

Cristina Gauri

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.