L’odio contro la Lombardia ​per attaccare il centrodestra

Loading...

È un odio violento, atavico, a lungo taciuto e in questi mesi, complice l’epidemia di coronavirus che ha piegato il Nord Italia, esploso con una virulenza senza precedenti. Un odio che ha investito in particolar modo i lombardi e la Lombardia, non solo in quanto tali, ma per quello che rappresenta: da sempre fortino del centrodestra e, negli ultimi anni, capitanata da governatori leghisti.

Nonostante i morti, che contiamo a migliaia, e nonostante la fatica a combattere un nemico tanto piccolo quanto letale, la sinistra e i Cinque Stelle si sono scagliati (senza alcun rispetto) per biechi fini politici. Se, all’inizio, quando l’Italia si è ritrovata – con il fiato sospeso – nella morsa della quarantena, i colpi bassi erano più radi, non appena è scattata la “fase 2” l’odio è esploso con un vigore senza precedenti, fino a immaginare cimiteri pieni di morti con il centrodestra al governo.

L’odio è iniziato in sordina. Sembravano semplici scaramucce politiche. Come quando il 26 febbraio, meno di una settimana dopo la scoperta del “paziente 1” a Codogno, il governatore Attilio Fontana pubblica su Facebook un video in cui annuncia il contagio di una collaboratrice. Il suo viso è coperto da una mascherina chirurgica, verde. In quei giorni non se ne vedono tante in giro. È probabilmente il primo politico italiano a indossarne una in pubblico. È un messaggio, certo. Un messaggio a tutti i lombardi affinché prendano le precauzioni necessarie per evitare il più possibile occasioni di contagio. “Da oggi qualcosa cambierà perchè pure io mi atterrò a quelle che sono le disposizioni dell’Istituto Superiore di Sanità per cui per due settimane vivrò in una sorta di auto quarantena – spiega – oggi ho già passato la giornata indossando la mascherina e continuerò a farlo nei prossimi giorni”. Gli sono subito saltati tutti al collo. I primi ad attaccare sono stati quelli del Partito democratico. Da Matteo Orfini, che arriva addirittura a negare l’utilità di metterla in Aula alla Camera (“È un gesto inutile e dannoso per il messaggio che diffonde”), a Maurizio Martina che lo accusa addirittura di “alimentare il panico” e di “danneggiare i cittadini e il Paese”. I grillini (ovviamente) non sono da meno. “Sono immagini che non aiutano perché spaventano ed espongono l’Italia al rischio di un isolamento economico che non ha alcuna giustificazione”, tuona Danilo Toninelli. “Il panico deve essere assolutamente arginato, non alimentato in alcun modo – conclude – serve una corretta informazione, che non faccia inutili allarmismi, un linguaggio equilibrato e altrettanto deve valere per i gesti”.

Sin dai primi giorni il Prirellone si trova in forte contrasto con Palazzo Chigi. In Regione Lombardia si accorgono sin da subito che a Roma non stanno capendo la gravità della situazione. E così, mentre i vari Nicola Zingaretti, Beppe Sala e Giorgio Gori fanno campagne per tenere aperto, sono costretti a rimboccarsi le mani e fare da soli. Non solo. Devono pure “parare” le apre critiche del premier Giuseppe Conte, che prova ad addossare all’ospedale di Codogno le colpe del focolaio nel Lodigiano, e ingaggiare un estenuante braccio di ferro sempre con la presidenza del Conisglio per allargare al più presto la “zona rossa” alla Val Seriana e al Bresciano, dove già il 2 marzo – dati alla mano – appare chiaro che la situazione è ormai sfuggita di mano. Non ci riuscirà. La chiusura della regione arriverà troppo tardi e Fontana & Co. dovranno pure sorbirsi le critiche per non essersela fatta da soli, quando anche anche il procuratore facente funzione di Bergamo, Maria Cristina Rota, ha messo in chiaro ai microfoni del Tg3 che tale decisione spettava all’esecutivo. Se non è la polemica sulle “zone rosse” mancate, sono le critiche al sistema sanitario regionale che fatica a reggere l’urto del Covid-19. Il 15 aprile, in un articolo apparso su Le Monde, Roberto Saviano non perde occasione per tirare in ballo “il territorio di Silvio Berlusconi” e si erge sul piedistallo per impartire ai lombardi “la debolezza insita nel credersi invincibili”. A sinistra è un sentimento diffuso.

Loading...

Sono molti, infatti, quelli che credono che il coronavirus abbia dato una lezione al Pirellone e che soprattutto il centrodestra non sia stato all’altezza di gestirlo. Per dimostrarlo vengono montati ad arte teoremi sulla gestione del sistema sanitario, vengono scomodati (senza nemmeno leggere le ordinanze della Regione che sono identiche, in tutto e per tutto, a quelle emanate da altri governatori iscritti al Pd) gli anziani morti nelle Rsa, viene screditata la costruzione dell’ospedale in Fiera (quando è stato il governo Conte a chiedere alle Regioni di aumentare del 50 per cento il numero dei posti letto). Il 21 maggio, durante l’informativa del premier sulla “fase 2” alla Camera, si viene quasi alle mani quando il grillino Riccardo Ricciardi se ne esce con accuse senza precedenti (guarda il video). “Chiedono collaborazione alle opposizioni e poi vengono qui a prendere per il culo sui morti? Ecco, prendersela coi morti anche no”, sbotta Giancarlo Giorgetti invitando il ministro della Salute Roberto Speranza a tenere a bada i Cinque Stelle. “Tira male, io ve lo dico, qui finisce male. Qualcuno deve metterli in riga, coi morti che ci sono stati. Non si può chiedere collaborazione alle opposizioni e poi venire in aula a provocarci sui morti”. Il punto è che anche all’interno di Liberi e Uguali, partito a cui è iscritto Speranza, la pensano allo stesso modo. Qualche settimana più avanti Pierluigi Bersani se ne andrà in televisione a dire che “se avesse governato questa gente qua (il centrodestra, ndr) non sarebbero bastati i cimiteri”. E non ci si deve, poi, stupire se ci ritroviamo i muri di Milano lordati dagli antagonisti con la scritta choc “Fontana assassino”. Lo stesso slogan urlato dai sindacati scesi in piazza ai primi di giugno.

La campagna (mediatica) di denigrazione tocca proibabilmente il suo apice con il falso scoop di Report, poi ripreso dal Fatto Quotidiano, in cui si fa passare una donazione di materiale sanitario per un conflitto di interessi. Un “attacco politico vergognoso”, come lo ha definito lo stesso Fontana, che ora finirà in aula di tribunale. L’odio politico, però, si mischia all’odio regionale. E così sono troppi quelli che stanno portando avanti una vera e propria campagna contro i lombardi. Lo fa persino chi, come lo scrittore Massimo Mantellini, dovrebbe preservare il Paese dalla violenza verbale. Conte lo ha, infatti, voluto nella task force governativa (una delle tante) per epurare il web dall’odio dilagante. Nei giorni scorsi se ne è uscito con un post a dir poco delirante: “La dico piano: chiudiamo i lombardi in Lombardia. Almeno per questa estate”. Lo stesso che vorrebbero fare alcuni governatori di sinistra per sminuire gli sforzi che dal 20 febbraio il Pirellone sta compiendo per vincere la partita contro il coronavirus. Sicuramente Regione Lombardia, come anche il governo, ha fatto errori. Li ha fatti perché si è trovata a dover combattere una battaglia senza precedenti. Usarli, ingigantirli e distorcerli per fini politici è una bieca camapagna di disinformazione che non rende giustizia a tutti quei morti che stiamo ancora piangendo.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.