Luca Palamara, Piero Sansonetti contro la riforma Bonafede: “Il Csm va raso al suolo, ci vorrebbe la ruspa di Salvini”

Loading...

Piero Sansonetti interviene a Coffee Break su La7 sul tema scottante della magistratura. Il direttore de Il Riformista boccia severamente la prima bozza di riforma proposta da Alfonso Bonafede, che forse è il meno indicato di tutti per occuparsi di una questione così delicata. “La sua riforma non sta né in cielo né in terra – è il parere di Sansonetti – la magistratura non può autogovernarsi, un potere come questo sta prevaricando su tutti gli altri”.

Loading...

Al di là della vicenda delle intercettazioni di chat togate riguardanti Matteo Salvini, definito una “mer***” da fermare anche se ha ragione sul tema dell’immigrazione, per Sansonetti la questione è molto più ampia: “Il governo della magistratura è corrotto, i procuratori vengono scelti secondo logiche che non hanno nulla a che vedere con il merito. Si barattano processi e sentenze, siamo all’anno zero”. A questo punto arriva la proposta choc: “Il Csm va raso al suolo e rifatto non più con la maggioranza di togati. Questi non si possono autogovernare. Tutti i poteri si controllano tra di loro, a parte quello giudiziario e ora scopriamo che è corrotto. È necessario che la politica intervenga – è la chiosa di Sansonetti – ora sì che ci vorrebbe la ruspa di Salvini”. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.