La svolta sulla lotta al Covid? “Clinicamente non esiste più”

Loading...

Alberto Zangrillo, primario e direttore di Terapia Intensiva all’ospedale San Raffaele di Milano, durante il suo intervento al programma di Raitre “Mezz’ora in più”, ha affermato che “il virus clinicamente non esiste più”.

Il virus non esiste più

Ha infatti spiegato come dal punto di vista clinico il virus non esista più. A dirlo, come sottolinea Zangrillo è “l’università Vita e Salute del San Raffaele, lo dice uno studio fatto dal virologo direttore dell’Istituto di virologia, professor Clementi, lo dice insieme alla Emory University di Atlanta, il professor Silvestri: i tamponi eseguiti negli ultimi dieci giorni hanno risultati con una carica virale dal punto di vista quantitativo infinitesimale rispetto ai tamponi eseguiti sui pazienti un mese fa”.

Zangrillo ha parlato senza dimenticare tutti coloro che sono morti e le famiglie che hanno pianto i loro cari. Ha però ribadito che adesso “non si può continuare a portare l’attenzione in modo ridicolo come sta facendo la Grecia sulla base di un terreno di ridicolaggine, che è quello che abbiamo impostato a livello di comitato scientifico nazionale e non solo, dando la parola non ai clinici e non ai virologi veri. Il virus dal punto di vista clinico non esiste più. Ci metto la firma”. L’ospite di Lucia Annunziata ha inoltre sottolineato che da tre mesi vi sono numeri con evidenza zero. Il ritorno alla vita normale sarebbe quindi più vicino di quanto possiamo pensare. Addirittura Zangrillo crede sia possibile che il Covid scompaia per sempre, come era avvenuto per la Sars e la Mers.

Loading...

Chi terrorizza il Paese deve prendersene la responsabilità

Ha poi aggiunto che qualcuno dovrà prima o poi prendersi la responsabilità di continuare a terrorizzare gli italiani, dal momento che i pronto soccorso e i reparti di terapia intensiva sono vuoti. Il primario ha infine parlato di Milano elogiando il capoluogo, che ha saputo reagire in modo straordinario e sottolineando che tutti parlano della città meneghina e della Lombardia, mentre in realtà ci sono state zone precise dove si è verificata una grande concentrazione di casi. A Milano praticamente il coronavirus non si è diffuso. Situazione difficile sia perché il virus era molto contagioso, sia per il fatto che la Lombardia, per molte ragioni, era esposta più di altre realtà.

Zangrillo ha anche parlato della situazione odierna, ripercorrendo quanto avvenuto negli ultimi tre mesi:”Sono tre mesi che tutti ci sciorinano una serie di numeri che hanno evidenza zero. Siamo passati da Borrelli a Brusaferro e tutti questi cos’è che hanno portato? A bloccare l’Italia, mentre noi lavoravamo. Adesso noi che abbiamo visto il dramma chiediamo di poter ripartire velocemente, perché vogliamo curare le persone che altrimenti non riusciamo a curare. Non ce ne frega del campionato o delle vacanze ma dobbiamo tornare a un Paese normale. Ci sono tutte le evidenze affinché, da oggi, questo Paese possa tornare ad avere una vita normale”.

Presente in trasmissione anche il ministro della salute, Roberto Speranza, che ha chiesto alla popolazione di continuare a mantenere le norme per evitare nuovi focolai e il ritorno a una fase di emergenza. Le regole fondamentali da seguire anche nelle prossime settimane sono il distanziamento, l’utilizzo della mascherina e l’evitare assembramenti.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.