Attenti, il caso delle intercettazioni di Palamara con altri membri del Csm rischia di essere insabbiato

Loading...


La vicenda delle intercettazioni dell’ex pm Palamara con altri membri del Csm e con noti giornalisti rischia di essere incredibilmente derubricata, se non addirittura insabbiata. È scandaloso che la magistratura, per puro spirito di autodifesa, non abbia aperto fascicoli o assunto iniziative su quanto emerso sulla base di intercettazioni che non lasciano spazio a dubbi o interpretazioni. Quanto abbiamo letto è sconcertante. Si profila con certezza l’attentato ad organi costituzionali dello Stato, perché tale è il Csm.

Il Csm, le toghe e le campagne d’odio

Nella fattispecie sono anche applicabili le norme che colpiscono le associazioni segrete, visto che tale è infatti il lavorio condotto da magistrati e giornalisti all’insaputa di tutti. Si tratta di applicare quella logica che, dalla legge Anselmi in poi, è stata giustamente invocata ad ogni pie’ sospinto, ma in alcuni casi in maniera ridicola, perché abbiamo visto parlare di P3 e P4 anche a proposito di personaggi che dalla campagna raggiungevano la Cassazione con lattine d’olio.

Loading...

Chiarire il ruolo dei giornaloni della sinistra

In quei casi subito si è parlato di una “P qualsiasi cosa”, mentre ora si tace incredibilmente su quanto sta emergendo e che, in realtà, era noto da tempo. Attentato ad organi costituzionali, associazione segreta, indagini e manette. Anche perché si possono reiterare i reati, occultare prove. E sarebbe anche il caso di mettere sotto accusa un’altra categoria chiamata in causa da queste intercettazioni, ovvero i sempre puri e sempre rigorosi giornalisti di cronaca giudiziaria dei giornaloni di sinistra.

Stampa e magistratura

Abbiamo avuto la conferma di come certe relazioni discutibili tra stampa e magistratura possano avere anche influenzato l’informazione, andando oltre la normale ricerca delle notizie, ma rivelando una vera e propria strategia. Palamara addirittura sembra abbia potuto indirizzare le notizie da pubblicare e quelle invece da occultare. Vicende sconcertanti che si commentano da sole. Lo stesso silenzio rosso di vergogna della Federazione nazionale della stampa dice più di tante parole.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.