Paolo Mieli durissimo contro Giuseppe Conte: “Gli piace andare in tv? Cambio canale. I soldi promessi? Non ci sono”

Loading...

Matteo Salvini? Giorgia Meloni? Un “pericoloso sovranista”? No, tutt’altro: Paolo Mieli, lo storico ed ex direttore del Corriere della Sera, mite e autorevole e per certo non contestato da chi punta il dito contro sovranismo e sovranismi. Il punto è che ospite di Myrta Merlino a L’aria che tira su La7, Paolo Mieli contro Giuseppe Conte utilizza parole pesantissime. Si parla del decreto Rilancio, al quale mostra di credere poco e niente: “Vediamo se tra un mese i soldi saranno arrivati, allora glielo riconosceremo”. Dunque, l’affondo circa il presenzialismo in tv del premier nonché presunto avvocato del popolo: “Se a Conte piace andare la sera in tv… contento lui, al massimo cambio canale”. Dunque, Mieli torna sulla questione dei fondi staziati dai governi per uscire dall’emergenza coronavirus, e rimarca: “Vedo che negli altri paesi i soldi stanziati arrivano, da noi no. Strano, vero? Se le persone si accorgono che i soldi non arrivano buona notte. La fiducia nelle promesse e nelle dichiarazioni verrà meno”, conclude Mieli, che per Conte in definitiva vede un futuro molto, molto difficile.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.