Silvia Romano, ombra dei grillini sulla onlus Africa Milele: a fondarla la moglie di Roberto Rossini

Loading...

Anche i genitori di Silvia Romano sono convinti che la onlus Africa Milele, quella con cui è partita la cooperante milanese in Kenya, abbia mandato la giovane allo sbaraglio. “Non sono io l’ordine preposto per parlare di queste cose, c’è una procura che indaga e ci pensano loro, io non rilascio dichiarazioni sull’argomento” ha però messo le mani avanti mamma Francesca, al ritorno dopo 18 mesi di Silvia, rapita da un gruppo di terroristi somali.

A puntare il dito contro Africa Milele si aggiunge anche la politica: “A quel che ci risulta – scrive su Facebook Andrea Cangini, senatore di Forza Italia – la Africa Milele di Fano, fondata dalla moglie del deputato grillino Roberto Rossini, ha disapplicato i protocolli di sicurezza della Farnesina, ha indotto Silvia Romano ad operare in una zona considerata ad alto rischio, e infatti evitata da tutti i cooperanti, non ha comunicato al ministero degli Esteri la presenza in loco di una propria operatrice, non ha fatto seguire a Silvia Romano un corso di formazione né si è premurata di assicurarla per gli infortuni e le malattie. Non c’è dubbio: Silvia Romano è stata mandata allo sbaraglio”. 

Loading...

Immediata però la replica del grillino, che subito ha voluto precisare: “Mia moglie non ha fondato la onlus Africa Milele. È semplicemente un membro del direttivo dal 2014, mentre la onlus è stata fondata e opera dal 2012. Da quando Silvia è stata rapita la mia unica preoccupazione, anche da parlamentare, è stata quella di informarmi quotidianamente sulle sue condizioni. In merito ai rapporti tra Silvia Romano e la onlus in questione e alla gestione della stessa, non posso che confermare la mia totale estraneità”. A mettere le cose in chiaro anche la diretta interessata, Daniela Galanti: “Il Ros dei carabinieri ha interrogato tutti noi dell’associazione nel novembre del 2018, subito dopo il rapimento di Silvia – spiega al Giorno -. E abbiamo spiegato con i documenti che eravamo in regola. Non abbiamo niente da farci perdonare su Silvia. Leggo che la famiglia ci accusa di averla mandata allo sbaraglio in Africa. Non è giusto dirlo, anzi è falso. Abbiamo incaricato un legale per tutelarci. Vuol dire che la famiglia ha bisogno di prendersela con qualcuno”. E poi sul mistero di un presunto intervento del Movimento ribadisce: “Non è vero che mio marito possa aver agevolato l’associazione. Ha solo presentato due interrogazioni alla Camera sul rapimento di Silvia e niente altro. Non abbiamo avuto fondi pubblici né stipendi. Nessuno percepisce un soldo, nemmeno la presidente. Non conosco Silvia né giudico la sua conversione. Mi aspetto però che ci chiami”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.