Muore la nonna e la madre è ricoverata: due bimbe da sole in quarantena

Loading...

Due bimbe sono in casa da sole e senza il conforto dei familiari. È questa l’amara situazione ai tempi del Coronavirus che sta costringendo due sorelline che frequentano le scuole elementari di Montevarchi, comune in provincia di Arezzo, ad essere isolate in casa senza genitori o parenti.

Senza madre nè nonna

Come riporta LaNazione, il maledetto virus le costringe a questa condizione perché la nonna ottantenne è venuta a mancare giovedì scorso nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Arezzo a causa del Covid e la madre si trova attualmente ricoverata perchè positiva (ma le sue condizioni sono in miglioramento) nel reparto di malattie infettive del San Donato, lo stesso nosocomio dove, purtroppo, è deceduta l’anziana signora. Loro due erano (e rimangono) gli unici riferimenti familiari diretti.

Loading...

L’aiuto della collettività

Non potendo contare nemmeno sulla figura paterna, le due piccole sorelle si stanno facendo forza a vicenda con la più grande che si prende cura di quella più piccola. Se c’è un solo aspetto positivo in questa vicenda, è quello della solidarietà e della rete di protezione che si è immediatamente attivata intorno a loro: dai parenti agli amici di famiglia, dalla parrocchia al comune di Montevarchi con il sindaco, Silvia Chiassai, nominato tutore. In caso di emergenza niente paura: le due minorenni potranno contare sull’aiuto immediato di un camper che staziona nel giardino sotto casa 24 ore su 24 pronto con un volontario pronto ad accorrere in caso di necessità.

Sorvegliate h24

Il conforto è continuo: le bambine si affacciano alla finestra per interagire con chi le sorveglia ed ascoltare i consigli che vengono loro suggeriti collaborando con una maturità ed un sangue freddo da adulti. Le piccole hanno a disposizine anche un numero telefonico da chiamare a qualunque ora e riescono ad interagire, seppur in maniera virtuale, con la madre ricoverata tramite videochiamate che servono per farsi forza a vicenda.

Il volontario pensa a tutto

Non c’è nessun problema nemmeno per i pasti: le due sorelline compilano la lista della spesa, il volontario si dà da fare per esaudire i loro desideri e di volta in volta, dalla colazione alla cena, una volta aperto il portone lascia fuori dalla porta di casa una borsa con dentro le pietanze già pronte.

Nonostante la positività della madre, le due bimbe fino a questo momento non hanno presentato sintomi ma nelle prossime ore saranno sottoposte al tampone per accertarne la negatività, o almeno si spera che sia così, così come si spera che la madre guarisca al più presto per tornare a casa.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.