Trenta manifestanti in piazza a Scampia: le Sardine ora collezionano soltanto flop

Loading...

La foto con Benetton, la scissione dell’ala romana. E ora la piazza semivuota. Nel mare grosso le Sardine faticano a restare a galla. Ieri la manifestazione di Scampia – lanciata in contrapposizione alla manifestazione della Lega, poi annullata – si è rivelata un vero e proprio flop.

Non erano più di trenta le persone che ieri si sono davanti alla Stazione della Metro 1 Piscinola-Scanpia: tra di loro anche padre Alex Zanotelli e due operai della Whirlpool. Non lontano, erano invece presenti i i comitati degli abitanti delle Vele, di Cantiere 167 e di altre formazioni della sinistra del quartiere, circa 150 persone, che poi sono partiti in corteo: «Non abbiamo nessun accordo con le Sardine – ha detto ai giornalisti Patrizia Mincione , di Cantiere 167 – loro non ci sono nel quartiere».

Loading...

E ora, per il neonato movimento, è già tempo di leccarsi le ferite: «Dobbiamo valutare se ci hanno percepito come un corpo estraneo», ha abbozzato una dei promotori, Antonella Cerciello: «Qui la realtà è complessa». «Probabilmente abbiamo utilizzato una modalità di comunicazione sbagliata», ha detto Bruno Martirani, uno dei promotori della manifestazione, «ma abbiamo incontrato il Gridas ed alcune associazioni e torneremo a Scampia, prima delle manifestazione nazionale del 14-15 marzo». Corpi estranei, comunicazioni sbagliate: giustificazioni che si sommano a giustificazioni, ma che fotografano una realtà ben lontana dalle piazze piene in Emilia Romagna di qualche settimana fa. «Le Sardine sono ormai impegnate a fare le foto con Benetton e con Oliviero Toscani, quindi non voglio disturbarle dai loro gravosi impegni. Li lascio con loro e io preferisco andare a Vibo Valentia e Reggio Calabria», il salace commento del leader leghista Matteo Salvini.

Ieri intanto, il movimento ha fatto il punto in vista delle Regionali nelle Marche di questa primavera, smentendo ogni candidatura: «Se mai qualcuno scegliesse di farlo lo farà a titolo personale – riferiscono in un comunicato – La situazione che si è vissuta nella vicina Emilia-Romagna è sicuramente diversa da quella in cui ci troveremo nelle Marche: ancora oggi non ci sono certezze sui candidati e sui programmi di ciascuno schieramento. Dal canto nostro, con fermezza sosterremo come movimento quelli che da sempre sono i nostri pilastri: l’antifascismo e l’avversione al servilismo verso i poteri forti».

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.