Francia, Macron rischia il linciaggio a teatro: il presidente costretto alla fuga

Loading...

Emmanuel Macron è stato letteralmente costretto a fuggire da teatro per evitare il linciaggio di alcuni dimostranti. Il presidente francese, sempre nell’occhio del ciclone per la riforma delle pensioni da lui proposta, ieri sera si trovava al Théatre des Bouffes du Nord per godersi l’anteprima della pièce “La Mouche” assieme a sua moglie Brigitte.

A un certo punto, un gruppo di trenta persone ha cercato di fare irruzione all’interno dell’edificio. La polizia ha prontamente respinto i contestatori, ma la coppia presidenziale è stata costretta a scappare in fretta e furia per evitare il peggio e mettersi così in sicurezza. Dopo una decina di minuti, Macorn è riapparso in sala, da solo, e lì è rimasto fino al termine dello spettacolo.

Il tentativo di irruzione e la fuga del presidente

A segnalare ai contestatori la presenza a teatro del leader francese è stato un giornalista, anch’egli presente tra il pubblico di quella serata. Taha Bouhafs, militante e in passato fermato più volte dalle forze dell’ordine, ha scritto su Twitter un messaggio chiaro e inequivocabile: “Sono seduto tre file dietro al presidente. Ci sono militanti da qualche parte qui intorno, chiedo a tutti di venire. Si prepara qualcosa… la serata rischia di essere movimentata” (Guarda il video).

L’appello non è caduto nel vuoto. Poco dopo i contestatori si sono radunati all’esterno dell’edificio e hanno cercato di fare irruzione. In sala si è scatenato un parapiglia: quindici persone si sono alzate, tra cui Macron e Brigitte.

Secondo quanto riferito da un testimone alla rete Lci “Qualcuno della sicurezza è sceso in direzione del parterre, una quindicina di persone si sono alzate e abbiamo visto che c’erano Emmanuel e Brigitte Macron. Se ne sono andati correndo. Dieci minuti dopo, Macron è tornato in sala, da solo, ed è rimasto fino alla fine dello spettacolo”.

Loading...

Le cariche della polizia e l’auto blindata

I militanti del movimento contro la riforma delle pensioni sono rimasti fuori dal Théatre des Bouffes du Nord per manifestare contro Macron. Davanti all’ingresso, nel frattempo blindato dagli agenti, i dimostranti hanno scandito slogan minacciosi all’indirizzo del capo dell’Eliseo. Una volta terminato lo spettacolo, attorno alle 23, il presidente è tornato all’Eliseo a bordo di un’auto blindata. Il suo convoglio è stato salutato dai “buu” della folla, che tra l’altro è stata caricata dalla polizia per consentire al veicolo di farsi spazio e lasciare la zona. Nel frattempo il giornalista Taha Bouhafs è stato arrestato e accusato di aver provocato i disordini.

Un cocktail esplosivo

In Francia il clima è sempre più avvelenato. L’insofferenza nei confronti di Macron cresce a macchia d’olio, giorno dopo giorno. Niente e nessuno sembra essere in grado di placare la rabbia del popolo, o almeno di una buona parte di esso. I segnali di rottura con l’establishment sono netti. Tutto è partito con i cosiddetti gilet gialli, un movimento di protesta nato dal basso contro l’aumento dei prezzi del carburante e l’elevato costo della vita e che dallo scorso novembre sta mettendo a soqquadro Parigi e dintorni.

Adesso, da oltre un mese, il governo deve fare i conti pure con il movimento contro la riforma delle pensioni proposta da Macron, un progetto complesso che mira a togliere di mezzo i 42 regimi pensionistici separati esistenti nel Paese per sostituirli con un unico sistema basato su punti singoli. Il cocktail è esplosivo e basta una scintilla per far esplodere tutto. In mezzo a tutto questo l’Eliseo ha fatto sapere che Macron continuerà a recarsi regolarmente a teatro “come è abituato a fare” e che “vigilerà affinché azioni politiche violente non violino la libertà di espressione, la libertà degli artisti e la libertà di creazione”. Dei problemi sociali, vera origine dei mali della Francia odierna, neanche un cenno.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.