Sbarca tra i migranti dell’Ong. Marocchino subito arrestato

Loading...

È attraccata mercoledì pomeriggio a Messina e ha lì fatto sbarcare i 122 migranti che aveva soccorso nei giorni precedenti in acque internazionali.

Un’operazione, quella della nave della Ong spagnola Open Arms, ha creato non poche polemiche. “Come sempre sono fuggiti per diverse ragioni, la fame, guerra, per tentare di trovare una vita migliore. Sono diverse storie ma tutte hanno un punto comune, la violenza brutale in Libia”, aveva dichiarato Anabel Montes capo missione di Open Arms.

Tra i migranti soccorsi, c’erano due donne in gravidanza, tre famiglie con bambini, neonati e bimbi di pochi anni. Insieme a loro anche Mehdi Rahmouni. Un nome che ai più non dice nulla, ma alle forze dell’ordine era noto. Il 30enne marocchino era già stato espulso due anni fa dal territorio nazionale. E mercoledì ha cercato di rientrare in Italia, nascondendosi tra i migranti soccorsi al largo della Libia. L’uomo è sbarcato a Messina insieme ad altri 121 migranti, ma è stato subito identificato e bloccato.

Loading...

A attendere la nave della Ong al molo Norimberga, c’erano anche gli investigatori della Squadra mobile che, al termine delle operazioni di sbarco, hanno fatto scattare le manette ai polsi del 30enne per reingresso illegale sul territorio nazionale. Dagli accertamenti è emerso che Mehdi Rahmouni era stato raggiunto, a gennaio 2018, da un decreto di espulsione con divieto di reingresso in Italia per un periodo di 5 anni.

Nonostante tutto, il cittadino marocchino ha cercato di tornare in Europa e così si è rimesso in mare e ha provato a nascondersi tra i migranti. La nave Open Arms è subito intervenuta in soccorso delle persone intercettate su imbarcazioni carenti di dotazioni di sicurezza e, in seguito alle richieste avanzate, è stato autorizzato lo sbarco in Sicilia. “Italia assegna a Open Arms Messina come porto sicuro. Un grande sollievo per le persone soccorse e anche per l’equipaggio”, avevano annunciato su Twitter dalla Ong. E così la nave è attraccata a Messina e i migranti sono scesi a terra. Ed è lì che è stato identificato Mehdi Rahmouni.

Al termine delle operazioni di sbarco e di tutti i controlli del caso, il 30enne marocchino è stato bloccato e arrestato per reingresso illegale sul territorio nazionale. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato condotto nelle camere di sicurezza della Questura di Messina a disposizione dell’autorità giudiziaria.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.