Così i poliziotti vengono umiliati: “Costretti a pagare i pasti ai migranti”

Loading...

I poliziotti pagano di propria tasca per lavorare e per garantire un servizio richiesto dallo Stato.

L’assurda vicenda che arriva da Livorno ha provocato una grande indignazione generale: com’è possibile che gli agenti debbano prestare soldi per sostenere i costi per l’espulsione dei clandestini? Gli elementi che via via si aggiungono sono sempre più incredibili: se si rifiutano (comprensibilmente) di anticipare il denaro, l’irregolare da espellere torna tranquillamente libero in città, come previsto dall’articolo 15 del testo unico di pubblica sicurezza datato 18 giugno 1931.

Una vera e propria umiliazione. Come se non bastasse, i poliziotti hanno denunciato anche un’altra triste realtà: “Gli stranieri sfruttano i rimpatri per passare le vacanze con la famiglia“. Un lavoro quotidiano svolto in condizioni tutt’altro che sicure: uniformi vecchie, M-12 degli anni Settanta da sostituire, sottocamicia mancanti, carenza di munizioni e fondine vecchie in cartone pressato. Rischiano per i clandestini.

Loading...

“Vitto e pasti pagati”

Oltre al danno, la beffa. Durante l’intero viaggio dalla città fino al punto in cui è situato il Cie (Centro di identificazione ed espulsione), talvolta un lungo tragitto, è inevitabile fare una sosta per mangiare e rifocillarsi. Il tutto con il migrante a carico, a cui va pagato pure il vitto. Angela Bona, segretario generale del Sindacato italiano unitario lavoratori polizia (Siulp) di Livorno, ha spiegato: “Se uno straniero che viene accompagnato lamenta di avere sete o fame, il poliziotto può sottrarsi da dargli da mangiare o da bere? Certo che no”. Costi coperti dal Dipartimento di pubblica sicurezza. Soldi che dovrebbero essere a disposizione in questura, che spesso però non ha le risorse economiche. Una circostanza in cui a rimetterci sono proprio i poliziotti in prima persona: “La situazione non può essere più sottaciuta”.

Il fenomeno non è limitato alla città toscana: non si tratta di un caso isolato. Roberto Galeotti, segretario provinciale Siulp Forlì-Cesena, ha infatti confermato: “Ciò che è successo a Livorno è capitato anche da noi. Sono tanti i colleghi che aspettano mesi per vedersi rimborsare i soldi anticipati, e anche i casi di quelli che si rifiutano di accompagnare i clandestini per i rimpatri proprio per via dei fondi che non ci sono”. Medesima tesi sostenuta da Luca Tommasini, segretario generale del Sap di Livorno: “Ci sono colleghi che aspettano i rimborsi da due anni, io stesso sono ‘scoperto’ di circa 300 euro per gli ultimi accompagnamenti in centro distanti”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.