Schiaffo dell’Europa ai giallorossi: “Un errore limitare il contante”

Loading...

La limitazione del contante doveva essere uno degli ingredienti fondamentali della ricetta anti evasione fiscale preparata dal governo giallorosso.

Qualche settimana fa il premier Giuseppe Conte pensava soltanto ai complimenti che avrebbe ricevuto dall’Unione Europea. E invece, da Bruxelles, è arrivata soltanto una lettera che ha smontato, pezzo per pezzo, la misura proposta dall’esecutivo italiano.

Ad aver ricevuto la missiva, come racconta il quotidiano La Verità, sono stati il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e i due presidenti delle Camere. Il mittente risponde al nome di Banca centrale europea (Bce). Il contenuto, in poche parole, sottolinea come l’idea di abolire il contante sia una follia che rischia di penalizzare (e non poco) ampi strati della popolazione italiana, in particolare i più deboli. Senza poi considerare i costi bancari con cui sarebbe necessario fare i conti.

Ma lo schiaffo più grande rifilato al governo Conte è il passaggio in cui la Bce fa capire che il governo italiano, prima di intraprendere la lotta al contante, avrebbe dovuto avvisare Francoforte. Tra i passaggi più emblematici della lettera, non manca un consiglio esplicito che l’organo europeo ha provato a dare (senza successo) all’Italia: “Frenare l’uso delle banconote significa solo colpire le classi meno abbienti e i più anziani”. E ancora, la Bce chiedeva di “essere consultata in merito alla legge di prossima adozione che stabilisce una nuova soglia per i pagamenti in contanti”.

Loading...

Risultato: il governo ha tirato dritto per la sua strada. Dal prossimo primo luglio il limite per i pagamenti in contante scende da 3mila a 2mila euro, per poi abbassarsi a mille euro a partire dal primo gennaio 2022.

La Banca centrale europea perplessa sulla limitazione del contante

La Bce, infastidita per non essere stata consultata, ha di fatto bocciato la crociata giallorossa contro il contante: “Mentre in uno Stato membro possono esistere in generale altri mezzi legali di estinzione dei debiti pecuniari diversi dai pagamenti in contanti, la loro disponibilità in tutti gli strati della società a costi comparabili con i pagamenti in contanti dovrebbe essere verificata con attenzione dalle autorità nazionali competenti”.

Il motivo, prosegue la banca, è semplice: gli altri mezzi possono “avere caratteristiche diverse” rispetto ai classici pagamenti cash, e quindi “possono non costituire delle alternative del tutto equivalenti”.

Detto altrimenti, la Bce era stata chiara: limitare il contante avrebbe potuto mettere “ampie fasce della popolazione” nella condizione di non poter accedere ai più tecnologici strumenti bancari di pagamento.

E così, mentre l’Europa mostrava evidenti perplessità di fronte alla proposta dell’esecutivo italiano, cosa hanno fatto i giallorossi? Hanno proposto addirittura un premio (il cosiddetto bonus Befana, tuttavia non ancora approvato) per i cittadini che nel corso del 2020 avranno utilizzato carte di credito e bancomat per effettuare i loro acquisti.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.