Milano, due bulgare scippano un anziano in un panificio del centro: usavano sempre la stessa tecnica

Loading...

Il furto è avvenuto in una panetteria del centro ed è stato talmente veloce da impedire alla vittima di accorgersi che cosa stava succedendo alle sue spalle.

Un’azione incredibilmente veloce, durata pochissimi secondi, che però ha permesso alle due di riuscire nel colpo. È accaduto a Milano, nei giorni scorsi, quando due malviventi sono riuscite a sfilare il portafoglio a un uomo di 82 anni mentre stava facendo la spesa all’interno di un panificio, con una tecnica che, all’inizio, le ha allontanate da ogni sospetto.

Le mosse delle borseggiatrici

Secondo quanto riportato da Milano Today, le due borseggiatrici, di 46 e di 33 anni, entrambe di nazionalità bulgara, avrebbero anche finto di ritrovare a terra il borsellino da restiture all’anziano. Ma il colpo, che sembrava perfetto, a loro non è riuscito perché le ladre sono state fermate dagli agenti della squadra mobile della Questura poco dopo. E sono finite in manette. Il fatto risale al pomeriggio del 21 novembre, quando gli agenti di via Fatebenefratelli hanno notato le due donne aggirarsi tra i turisti di via Torino.

Loading...

L’arrivo delle malviventi nel negozio

Le forze dell’ordine, in quella circostanza, hanno quindi deciso di seguirle, insospettiti anche dal loro atteggiamento e dagli sguardi d’intesa tra le due. Secondo quanto ricostruito dagli agenti di polizia, infatti, le due donne osservavano “con particolare interesse borse e tasche delle potenziali vittime”. Subito dopo, infatti, sarebbero entrate in azione nella panetteria di via Victor Hugo, dopo aver individuato l’anziano che stava comprando del pane.

La dinamica del furto

In base a quanto ricostruito, le donne lo avrebbero avvicinato, si sarebbero messe di fianco a lui e avrebbero approfittato delle difficoltà di deambulazione dell’uomo per rovistare all’interno delle sue tasche. Subito dopo, le malviventi gli avrebbero sfilato il portafogli, pochi istanti dopo il pagamento in cassa. Immediatamente hanno preso ciò che sono riuscite a trovare al suo interno (cioè una banconota da 20 euro) e poco prima di lasciare il negozio, una delle due avrebbe fatto cadere a terra il portamonete per poi fingere di averlo ritrovato e consegnarlo a una delle commesse.

Sempre la stessa tecnica

I poliziotti, che hanno assistito a ogni passaggio del furto, sono intervenuti pochi istanti dopo, bloccando le due borseggiatrici bulgare. Entrambe sono state arrestate con l’accusa di furto con destrezza in concorso. In base a quanto riportato dalle forze dell’ordine, tutte e due avrebbero numerosi precedenti per furti e reati simili. Le donne, infatti, sarebbero tra le responsabili di diversi borseggi messi a segno in diverse città dell’Italia settentrionali e quasi sempre con la stessa modalità d’azione.

Fonte: IlGiornale

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.