Pronte le nuove Imu e Tasi: “È una nuova patrimoniale”

Loading...

Una vera e propria stangata. Anzi una “patrimoniale mascherata”. Confedilizia non usa giri di parole e di fatto mette spalle al muro il governo che si appresta a varare le nuove aliquote per Imu e Tasi.

Giorgio Spanzani Testa, presidente di Confedilizia critica in modo aspro le mosse dell’esecutivo: “La manovra aumenta l’aliquota di base dal 7,6 all’8,6 per mille; con dubbia legittimità, fissa definitivamente all’11,4 per mille l’aliquota massima per alcuni Comuni (come Roma e Milano), rispetto al limite ordinario del 10,6; fa scomparire qualsiasi collegamento ai servizi, presente ora nella Tasi; aumenta la tassazione sui proprietari di immobili affittati, scaricando su di essi la quota di imposta che nella Tasi era a carico degli inquilini;mantiene imposizioni vessatorie come quelle sugli immobili inagibili e su quelli sfitti per assenza di inquilini o acquirenti”.

Loading...

Parole durissime che si scontrano con la strada percorsa dell’esecutivo. Nell’ultima bozza della manovra infatti i giallorossi spiegano che la rimodulazione delle imposte non “determina l’aumento della pressione fiscale”. Nel dettaglio, come ricorda l’Adnkronos, viene previsto che per le cosiddette abitazioni di lusso, classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 e adibite ad abitazione principale, seppure l’aliquota di base è pari allo 0,5 per cento il comune può aumentarla solo di 0,1 punti percentuali; per cui l’aliquota massima per tali immobili è pari allo 0,6 per cento. Per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, l’aliquota di base dello 0,86 per cento, si legge nella bozza “non è suscettibile di aumentare la pressione fiscale in quanto, nel precisare che la quota pari allo 0,76 per cento è comunque riservata allo Stato, la norma stabilisce che i comuni, con deliberazione del consiglio comunale, possono manovrare l’aliquota aumentandola fino allo 1,06 per cento o diminuendola fino al limite dello 0,76 per cento”. Per gli immobili diversi dall’abitazione principale l’aliquota di base è pari allo 0,86 per cento. Ma come detto l’iniziativa del governo viene messa nel mirino dagli operatori del settore immobiliare che sottolineano tutti i rischi di una operazione di questo tipo. E così Confedilizia rincara la dose: “La nuova patrimoniale sugli immobili delineata nella manovra è peggiore delle due attuali, l’Imu e la Tasi. Oltre a non essere sfiorato dall’idea di ridurre questo carico di tassazione insopportabile, il Governo peggiora la situazione in vari modi”. Insomma la mazzata fiscale ancora una volta colpirà milioni di inquilini.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.