Napoli, caos all’Ospedale del Mare: nuova aggressione contro personale medico

Loading...

Momenti paura all’Ospedale del Mare di Napoli, dove si è purtroppo verificata l’ennesimo caso di aggressione che ha visto coinvolti alcuni medici all’interno del pronto soccorso.

Il fatto è accaduto nella tarda serata di ieri, intorno a mezzanotte circa, quando un uomo è giunto in ospedale insieme alla moglie. La donna si è recata in pronto soccorso perchè aveva diverse lesioni al cuoio capelluto e una frattura al setto nasale, provocate a suo dire da una brutta caduta dalle scale.

Loading...

I medici del nosocomio di Napoli, una volta visitata la donna, si sono subito dati da fare per prestarle le migliori cure. Proprio mentre un infermiere le stava mettendo dei punti sutura in testa, l’uomo ha cominciato a chiedere insistentemente ai medici di fare un controllo anche all’addome della moglie, senza però che ci fossero ragioni evidenti. Questa strana richiesta ha insospettito i sanitari presenti sul posto, che hanno cominciato a dubitare della versione fornita della coppia riguardo la dinamica dell’incidente e delle conseguenti ferite. In particolare, i medici hanno iniziato a sospettare che le ferite della donna potessero essere state causate da un episodio di violenza domestica.

Quando si è reso dei sospetti dei medici il marito della donna ha dato in escandescenze, scatenando in breve tempo il panico nel pronto soccorso dell’ospedale. L’uomo ha aggredito alcuni medici di turno, provando anche a colpirli con un tavolo. Poi ha deciso di accanirsi anche contro alcune suppellettili del pronto soccorso, sfasciando tutto ciò che gli capitava a portata di mano e mettendo così in pericolo anche l’incolumità dei degenti che sostavano a pochi centimetri da lui. Sul posto sono subito arrivati i carabinieri che hanno raccolto una denuncia per interruzione di pubblico servizio.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.