Maestra denuncia il caso di una bimba maltrattata e la preside la sospende

Loading...

Si è insospettita quando ha notato i frequenti lividi sulle gambe e le crisi di pianto apparente ingiustificate.

È bastato questo per indurre la maestra di una scuola elementare di Pavia a denunciare un presunto caso di maltrattamenti. Ma, per questo, è stata sospesa per un giorno dalla scuola.

Secondo quanto riporta la Provincia Pavese, la docente aveva inizialmente allertato la preside dell’Istituto dei suoi sospetti, per poi segnalare il fatto anche alle forze dell’ordine. Dopo la denuncia, però, la maestra è stata sospesa per un giorno, per “aver violato il segreto d’ufficio e aver arrecato un danno d’immagine alla scuola”.

Loading...

Per avere giustizia, l’insegnante sospesa si è rivolta al tribunale di Pavia che ora, a qualche mese di distanza dall’accaduto, ha invitato la dirigente della scuola elementare (nel frattempo cambiata) a revocare la sospensione e a restituire alla maestra la mancata retribuzione di quel giorno. L’udienza è stata poi rimandata a dicembre.

La vicenda ha scatenato le polemiche e la donna ha ricevuto solidarietà anche dai sindacati: “Con questi provvedimenti si alimenta l’omertà, inducendo i colleghi dell’insegnante sospesa a non seguire questo esempio e a tacere nel caso in cui vengano a conoscenza di episodi gravi”. Anche il sottosegretario all’Istruzione Peppe De Cristofaro è intervenuto sulla vicenda: “L’amministrazione scolastica dovrebbe piuttosto ringraziare questa docente. Spero che in tempi rapidissimi si possa annullare l’assurdo provvedimento di sospensione e chiedere scusa alla maestra, alla quale esprimo tutta la mia solidarietà”.

Nel frattempo, le forse dell’ordine hanno avviato un’indagine sulla famiglia della piccola, che è stata temporaneamente affidata alla nonna, in attesa che venga fatta chiarezza sui presunti maltrattamenti.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.