Straniero sorpreso a rubare manda l’agente in ospedale

Loading...

Hanno aggredito due agenti della Polfer di Milano in borghese che stavano effettuando dei controlli mirati alla prevenzione dei furti nell’area della stazione centrale.

Protagonisti in negativo della vicenda un algerino di 25 anni ed un 19enne di nazionalità marocchina, colti sul fatto dai poliziotti che indossavano abiti civili per passare inosservati tra la folla.

I due malviventi, con fare circospetto, si sono aggirati a lungo nella Galleria delle Carrozze della stazione, spostandosi successivamente verso piazza IV Novembre per raggiungere la zona delle navette in partenza per l’aeroporto di Milano Malpensa.

Loading...

Dopo aver adocchiato un bus in particolare, i nordafricani si sono scambiati un gesto di intesa, ed il primo ad entrare in azione è stato il marocchino. Trascinando un trolley per confondersi tra i numerosi turisti presenti in quel momento, il 19enne ha finto di collocare il bagaglio in mezzo a quelli già deposti dagli altri passeggeri. Aggredisce agente che lo sorprende a rubare e lo manda in ospedale: fermato 19enne magrebinoPubblica sul tuo sito

Dopo essersi controllato intorno per verificare che nessuno guardasse, ha ripreso il proprio trolley, impossessandosi nel contempo anche di una seconda valigia prima di allontanarsi. Lo stesso modus operandi seguito pochi istanti dopo anche dal suo complice.

A quel punto, raccolte le prove necessarie, gli agenti si sono rivelati ai malviventi, che hanno tentato una vana fuga. Con le spalle al muro, il 19enne marocchino si è scagliato violentemente contro uno dei poliziotti, finito poi in ospedale a causa di una distorsione al ginocchio: per lui 17 giorni di prognosi.

Il 19enne è stato tratto in arresto con l’accusa di rapina impropria, mentre per il complice l’incriminazione è quella di furto aggravato in concorso. I bagagli sottratti sono stati subito restituiti alle vittime.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.