Manduria, cavalli in stato di denutrizione: denunciato proprietario maneggio

Loading...

È stato denunciato per maltrattamenti di animali il proprietario di un maneggio di Manduria, un Comune in provincia di Taranto.

I poliziotti intervenuti sul posto hanno trovato un cavallo ferito ed altri custoditi in precarie condizioni igieniche. La struttura è stata, inoltre, sottoposta a sequestro probatorio con l’assegnazione dei cavalli alla custodia di un’associazione.
Il sopralluogo da parte degli agenti è avvenuto in seguito alla denuncia da parte di un’associazione a tutela degli animali che aveva notato le gravi condizioni di salute e igienico – sanitarie dei cavalli ospitati nella struttura in questione. In particolare, un cavallo di nome “Nerone” sarebbe morto di stenti anche dopo le pressanti richieste della stessa associazione di trasportarlo per tempo in un’altra adeguata struttura per essere sottoposto alle cure mediche idonee cure.
Nel corso del sopralluogo, il personale del commissariato ha accertato la presenza, all’interno di una stalla, di cinque box occupati da tre cavalli e due pony. Uno di loro era denutrito mentre un altro aveva alcune ferite lacero contuse con la fuoriuscita di sangue. Gli stessi box erano sporchi e, in parte, cosparsi di letame.

Loading...

Il servizio veterinario della Asl di Taranto, intervenuto nel corso di un secondo sopralluogo, ha confermato che il perdurare di questa situazione di degrado avrebbe compromesso seriamente la salute degli animali custoditi in condizioni totalmente incompatibili con la loro natura.
In particolare, i veterinari hanno accertato che i mantelli non erano curati da tempo, che un cavallo era disidratato e un altro, appunto, presentava ferite estese infette.
Il Comune di Manduria ha già notificato al proprietario l’ordinanza di sgombero dei cinque animali presenti con il divieto di introdurre nuovi animali fino al ripristino dei requisiti strutturali, gestionali e documentali previsti dalla legge.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.