“Non era in cura per problemi”. È giallo sulla “follia” del killer

Loading...

“Ha problemi psichici”. Fin da subito è stata questa la “giustificazione” dietro il gesto di Alejandro Augusto Meran, il domenicano che ieri ha sparato a Pierluigi Rotta e Matteo Demenego negli uffici della questura di Trieste.

Loading...

A suggerirla è stata il fratello, Carlysle Stephan Meran. E sarebbe stato proprio il 32enne a denunciare il fratello per il furto dello scooter a una turista: alla poliza avrebbe detto anche che – appunto – il 29enne aveva disturbi mentali e si sarebbe offerto di accompagnare gli agenti a casa sua. Verità o solo un modo per cercare di mitigare l’eventuale pena? Fattosta che oggi dalla questura smentiscono almeno in parte questa versione. “Allo stato non è seguito dai servizi di igiene mentale di questo capoluogo”, assicurano.

Su Carlysle Stephan non pendono capi d’accusa: l’uomo è stato sentito come testimone e in effetti, nel momento in cui Alejandro Augusto ha sfilato la pistola a Pierluigi Rotta, si è prima rifugiato all’interno dell’ufficio dell’Upg “sbarrando la porta con una scrivania” e poi è scappato nei sotterranei della questura, dove è stato individuato e bloccato. Il fratello, invece, so è avvalso della facoltà di non rispondere.

IL GIORNALE.IT

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.