Gli operai bocciano il Pd e ora votano Salvini

Loading...

Il potere operaio delle fabbriche ora se lo intasca la Lega. Le ultime elezioni europee rappresentano una vera e propria rivoluzione in termini sociologici.

Il 40,3% dei voti arrivati alla Lega, infatti, va intestato a operai e attività affini. Insomma, il dato è molto significativo: rispetto agli anni ’70, questa moltitudine di anime che prima votava a sinistra ora si è spostata a destra nella mani di Matteo Salvini.

Loading...

Come riporta ItaliaOggi, il Carroccio fa il pieno anche tra autonomi, commercianti e artigiani con un totale di 42,2%, e consolida quindi un dato più tradizionali tra le partite Iva.

Il quotidiano fa notare anche un’altra percentuale interessante: si tratta dell’1,7% intascata dal sodalizio La Sinistra. Se si scompone la provenienza professionale del voto si scopre che il 2,6% delle crocette arriva dai ceti elevati. Al contrario, Pd e La Sinistra pescano le percentuali più basse proprio tra gli operai.

Ma il successo della Lega, nonostante il reddito di cittadinanza voluto dai Cinque Stelle, si attesta anche tra i disoccupati. Sempre secondo un’analisi Ipsos che ha misurato la scomposizione del voto tra le categorie professionali, il 20,3% dei disoccupati ha votato Cinque Stelle, mentre ben il 32,6% ha votato per Salvini. Vincono quindi la richiesta di abbassamento delle tasse mediante flat tax e il pugno duro contro gli irregolari. Appena il 14,9% dei senza lavoro ha invece sostenuto il Pd, un dato al ribasso penalizzato forse dai rigore ai patti dell’Europa sostenuto dal partito.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.