L’ultimo ridicolo spot del sinistro per mandare Salvini alla sbarra? Ridicolo. Usa anche … loro!

loading...

L’ex presidente del Senato, Pietro Grasso le pensa tutte, anche quella di usare dei ragazzini per mettere Matteo Salvini alla gogna.

“E se un ministro sequestrasse degli studenti?”. Pietro Grasso ha pubblicato sulla sua pagina Facebook uno spot in cui mostra un finto servizio giornalistico in cui si annuncia la liberazione di 177 studenti del liceo Ubaldo Diciotti.

Ecco cosa scrive: “Immaginate se un ministro dell’Interno trattenesse in una scuola 177 ragazzi e ragazze per costringere le associazioni studentesche a interrompere delle pacifiche proteste contro una riforma dell’Istruzione.

Immaginate che si giustifichi dicendo: ‘Sto solo attuando un punto irrinunciabile del mio programma di governo’.

Immaginate che, dopo lunghe trattative, e solo dopo aver ottenuto dalle associazioni studentesche la rinuncia a qualunque rivendicazione, il ministro decida di liberare quei 177 studenti.

Non sarebbe forse un sequestro di persona? Non sarebbe gravissimo? La stessa cosa – con protagonisti diversi – è accaduta con il caso Diciotti”.

loading...

Per Grasso – che ha messo a disposizione di tutti la sua relazione di minoranza – impedire il processo a Salvini “autorizzerà in futuro un Ministro a utilizzare qualsiasi mezzo, anche il peggiore, per raggiungere il proprio fine politico – a costo della libertà personale, di quella di espressione o di pensiero di qualcuno di noi – senza temere conseguenze sul piano giudiziario”.

loading...

Forte invece si alza la replica di Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia e presidente della Giunta che già si è espressa per il no al processo: “Viene da sorridere a leggere gli argomenti sollevati da Grasso sul caso Diciotti. Si fanno esempi impossibili, paradossali e fuori dalla logica. Argomenti inesistenti, esempi drammatici, tesi strampalate, servono soltanto a coprire un pregiudizio politico.

Io ho indicato chiaramente i principi della legge costituzionale del 1989 e le norme della Costituzione. Ho smentito presunti giuristi che sui giornali hanno scritto corbellerie confondendo il Codice penale con la legge del 1989”.

Fonte: Il Giornale

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.