Le Motivazioni Assurde degli Immigrati per chiedere Asilo. Guardate la decisione Assurda del Giudice!

Loading...

Ci sono i migranti che scappano dalle guerre.
I profughi, quelli veri, che o scappano dal loro paese o muoiono.

Poi ci sono quelli che provano la fortuna, in altri paesi.
Migranti economici, cercano di trovare in un altro paese una posizione migliore. E questi già non sono da ritenersi profughi.

Ma poi ci sono addirittura quelli che scappano, e chiedono asilo, con motivazioni quantomeno discutibili, se non addirittura assurde.

È questo il caso di questo ghanese arrivato in Italia nel 2016.
Leggiamo su il Giornale di cosa si tratta:

Loading...

Sbarca illegalmente sulle nostre coste con un barcone e punta dritto a Milano dove presenta la richiesta per ottenere l’asilo. “Mia madre e mia zia sono morte di morte naturale – racconta alla Commissione prefettizia – ma secondo altri sono morte a causa dei problemi che abbiamo avuto con persone per una questione di terra da coltivare. Qualcuno dice che hanno avuto un maleficio”.

Rivela,quindi, di avere “paura” perché è “l’unico superstite” e perché la stessa sorte potrebbe toccare anche a lui. “I miei familiari sono morti misteriosamente senza problemi di salute – argomenta – oltre ad avere paura della magia in Ghana, non c’è più nessuno dei miei familiari”.

Ovviamente la Commissione gli nega lo status di rifugiato. E l’immigrato fa ricorso nella speranza che il Tribunale civile decida diversamente. E così succede. Perché, come racconta il Giorno, il giudice gli concede “un permesso di soggiorno per motivi umanitari” che gli permette di restare qui in Italia.

La commissione, quindi, aveva bocciato la sua richiesta.
Ma il giudice, come spesso accade, si mette di mezzo.

“Il richiedente – spiega – si trova in una situazione di vulnerabilità legata alla vicenda traumatica vissuta nel proprio Paese a causa della morte, in rapida successione, di tutti i suoi familiari, dovendosi dar atto altresì dell’ elevato grado di integrazione del ricorrente in Italia”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.