Questa donna è così buonista da desiderare di vedere morto Salvini: vediamo se i suoi ‘compagni’ prenderanno provvedimenti

Loading...

Un tweet non solo carico di odio, di più. Quello diffuso da poco da Matteo Salvini che così commenta: “La “signora” Zani, fondatrice del sindacato traduttori editoriali nella Cgil, scrive che mi vuole “MORTO”. Chiamate un medico per questa tizia! E poi il cattivo sarei io…”

Di minacce, in questi mesi, ne ha ricevute parecchie. E ora rischia prure il carcere. Ma il ministro dell’Interno non ha nessuna intenzione di mollare la sua linea, le sue idee e i suoi ideali. Così, a tutti questi nemici che contro di lui vomitano le peggiori cose, Salvini manda dei grossi (e calorosi) bacioni.

Loading...

E così è anche per la signora Isabella Zani. La donna, infatti, fondatrice del sindacato traduttori editoriali nella Cgil, sui social ha dato libero sfogo alla sua immaginazione e ha augurato la morte a Salvini. “Non voglio che si dimetta – scrive -. Non voglio che perda l’incarico. Non voglio che finisca in galera. IO LO VOGLIO MORTO”. Parole non troppo carine, che il ministro dell’interno ha subito voluto commentare: “La ‘signora’ Zani, fondatrice del sindacato traduttori editoriali nella Cgil, scrive che mi vuole ‘MORTO’. Chiamate un medico per questa tizia! E poi il cattivo sarei io…”.

E dopo le parole choc della donna, il vice presidente del Senato, Roberto Calderoli, commenta: “Ben conoscendo le fake news che girano in rete utilizzo il condizionale ma se davvero appartiene alla signora Isabella Zani il messaggio su Twitter in cui augura la morte a Matteo Salvini allora chiedo alla polizia postale di intervenire per verificare se ci siano gli estremi di un reato penale e al neo segretario della Cgil, Maurizio Landini, di espellere subito dal suo sindacati questa signora che risulta essere una loro scritta”.

E diciamo anche che le parole della donna si commentano da sole. ilgiornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.