Il Premio Nobel avverte l’Italia: Dovete uscire dall’Euro, altrimenti vi accadrà questo…

Loading...

Uscire dall’Euro oppure no?
La domanda è sempre la stessa.
Ma a sentire questo esperto, la risposta più elementare sarebbe solo una, però.

Su Libero leggiamo che:

L’ euro è la nostra peste, la Germania il suo cocciuto untore. Consiglia ferocemente all’ appena insediatosi «governo italiano euroscettico» Joseph E.Stiglitz – Nobel con l’ elmetto, Torquemada della moneta unica – di «introdurre una moneta parallela» e «usare una moneta elettronica sempre più semplice ed efficace» per evitare di morire straziati dall’ economia Ue dominata dalla Germania e dall’ euro cattivo. […]
Non è un’ idea nuova, la sua evocata uscita dall’ euro da parte dell’ Italia. Ma stavolta la prende più alla larga. Sostiene, Stieglitz, che l’ euro così com’ è abbia «aumentato le divisioni all’ interno dell’ Ue, in particolare tra paesi creditori e debitori»; e che sia alla base della «crisi migratoria, in cui le norme europee impongono un onere ingiusto ai paesi in prima linea che ricevono migranti, come la Grecia e l’ Italia»[…]

Loading...

Sicché, per Stiglitz, «se la Germania non è disposta a prendere i passi fondamentali necessari per migliorare l’ unione monetaria, dovrebbe fare la cosa migliore: lasciare l’ eurozona» perché «il valore dell’ euro si ridurrebbe e le esportazioni dell’ Italia e di altri paesi dell’ Europa meridionale aumenterebbero». Però -sembra spiegare il templare dell’ antiglobalizzazione a Salvini e Di Maio- siccome la Germania che molla è un sogno shakespariano, be’, a questo punto mollate voi. «I benefici per l’ Italia di lasciare l’ euro sono chiari e considerevoli. Un cambio più basso consentirà all’ Italia di esportare di più»; e «i consumatori sostituiranno le merci italiane per le importazioni. I turisti troveranno nel paese una destinazione ancora più attraente. […]
Ed ecco, poi, il cambio di passo: l’ Italia chieda, in pratica, di ristrutturare il suo debito, pagando in titoli di Stato.

A quel punto gli altri membri Ue avrebbero due strade: o espellerci (ma, data la possanza del nostro debito, 3° al mondo, crollerebbe l’ intera Ue); o, addottando con successo una moneta più flessibile -un “euro morbido”- e creando una sorta di «zona euro meridionale vicino a un’ area valutaria ottimale», accadrebbe che altri paesi ci seguirebbero. E Stiglitz ricorda le vicissitudini finanziarie della Grecia.

La quale, messa malissimo, era lì lì per introdurre il meccanismo di una nuova dracma; me venne fermata dalla Banca Centrale europea, che la «strangolò». Certo, ora pare uscita definitivamente dalla crisi, ma la cura da cavallo a cui si sottopose fu per anni un dramma euripideo. Stiglitz è comunque onesto. Non nega che l’ addio all’ euro possa essere dolorosetto: «alcune aziende falliranno, altri vedranno il declino dei loro redditi reali». Ma se la Germania non avesse agito con egoismo, «se l’ economia italiana avesse trascorso i 20 anni dalla crescita della creazione dell’ euro al tasso della zona euro nel suo insieme, il suo Pil sarebbe stato del 18% più alto».

Cosa faranno Salvini e Di Maio?
Alla fine l’Italia che strada prenderà?

Voi cosa ne pensate?
Diteci la vostra!
Grazie.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.