Nuovo blitz a casa di un “volto noto”. Sgomberi a tappeto. E Salvini esulta. Avanti tutta.

Loading...

Questa mattina alle prime luci dell’alba sono scattate le operazioni di sgombero delle case occupate abusivamente dagli Spada.

Il blitz, in una piazza Gasparri super blindata, è stato effettuato dalla polizia locale di Roma Capitale, capitanate dal comandante Antonio Di Maggio.

I poliziotti sono entrati in un appartamento in via Giovanni Ingrao per mandare via l’inquilino irregolare. Non un nome qualsiasi, ma un “volto noto”, Vincenzo Spada,detto «Gnocco» appartenete al clan e figlio del boss «Pelè».

Gli agenti della polizia locale di Roma Capitale sono entrati in azione per sgomberare un appartenente del clan Spada dalla casa comunale che aveva occupato.

A dover lasciare l’appartamento, dopo Vincenzo «Gnocco» Spada, figlio di Enrico detto «Pelè» è stato Silvano Spada, cugino di Roberto (il reggente del clan secondo i pm e autore della testata al giornalista Rai) contro la cui abitazione lo scorso novembre sparano cinque colpi di pistola.

Loading...

Nell’abitazione vivevano la compagna e i figli di Silvano Spada, mentre quest’ultimo è attualmente agli arresti in carcere. In sua assenza, i familiari hanno continuato indisturbati a occupare l’abitazione.

Il Ministro degli interni, Matteo Salvini, a proposito dell’operazione, commenta: “Avanti con gli sgomberi! A breve un’altra promessa verrà mantenuta: una villa sequestrata in una periferia romana ai Casamonica verrà abbattuta, al suo posto un giardino per i bimbi del quartiere. #dalleparoleaifatti”.

Fonte: Il Messaggero

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.