Stupri, parla il ministro Bonafede: “La castrazione chimica non è nel contratto di governo”

Loading...

“Non c’è alcuna iniziativa del governo in relazione all’introduzione della castrazione chimica e non vi è alcuna indicazione in tal senso nel contratto di governo”.

Parola del guardasigilli Alfonsdo Bonafede.

Il ministro della Giustizia del Movimento 5 Stelle ha risposto al question time alla Camera dei deputati a un’interrogazione di Fratelli d’Italia relativa all’ipotesi di castrazione chimica per gli stupratori e responsabili di violenze sessuali.

Loading...

Dunque, l’esponente pentastellato dell’esecutivo ha aggiunto: “Il Parlamento può chiaramente poi portare avanti tutte le iniziative che ritiene opportune”. Ma la posizione del governo gialloverde, ha sottolineato Bonafede “è di non far uscire nessuno dal carcere, e tenerlo sotto controllo, con la certezza della pena, attraverso un percorso che tramite anche personale medico possa garantire che quella persona è sotto il controllo dello stato”.

Il ministro, infine, ha ricordato il progetto di un piano antiviolenza nazionale e l’istituzione di un fondo per le vittime, e in ultimo tutte iniziative di inasprimento delle pene per i reati di violenza sessuale, oltre che il varo nel prossimo Consiglio dei ministri del cosiddetto “codice rosso” per tutelare le donne minacciate da possibile violenza.

IL GIORNALE.IT

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.